Passa ai contenuti principali

#unitinerarioalmese: un itinerario bavarese

Oggi vi propongo una nuova iniziativa a cui stavo pensando già da qualche tempo:  #unitinerarioalmeseOgni mese vi proporrò un itinerario diverso da seguire o da cui prendere semplicemente ispirazione. A marzo vi porto in Germania con un breve itinerario della durata di quattro giorni in Baviera. Facendo base nella capitale di questo Land, Monaco di Baviera, vi indico quattro destinazioni visitabili in una giornata ciascuna. Il periodo migliore per visitare la Baviera è senza dubbio l’estate, in particolare nel mese di luglio.

Primo giorno: Schongau


Vi ho già parlato di questa cittadina qui.  Dista da Monaco circa un 1 ora. Avete due opzioni per raggiungerla: in auto, tramite la A96 e la B17, oppure in treno, partendo da Monaco Hbf e arrivando alla stazione di Schongau, poco distante dal centro.

Links utili

Un dettaglio nel centro di Schongau

Secondo giorno: Füssen


Destinazione certamente più turistica. L’attrazione principale di Füssen è costituita dai castelli, in particolare Neuschwanstain, dimora di Ludwig II. Chi è cresciuto guardando la Bella Addormentata nel Bosco della Disney potrebbe trovare familiare questo castello: infatti fu il modello per il castello del principe Filippo. L’ambientazione da favola, però, non si limita a questo. Per raggiungere il castello si percorre una lunga via attraverso il bosco (da fare a piedi o in carrozza), salendo pian piano verso la meta. Fermatevi di tanto in tanto a godervi il panorama sotto di voi e la magia di questo luogo. Finita la visita al castello, ripercorrendo la stessa strada dell'andata, tornate a Füssen e godetevi un buon gelato nel centro cittadino.

Come arrivare

In auto: tramite A96. Tempo di percorrenza: 1h 37 minuti.
In treno: da München Hbf a Füssen. Tempo di percorrenza: 2 ore.

Links utili

Neuschwanstein

Terzo giorno:  Lechbruck am See



Dopo una giornata intensa a Füssen, una gita a Lechbruck am See è l’ideale. Si tratta di un’area verde sulle rive del Lech. Potete godervi una passeggiata nella natura, un tranquillo picnic oppure affittare una barca e fare un giro sul lago, in compagnia di anatre e cigni.

Come arrivare

In auto: tramite A96. Tempo di percorrenza: 1h 22 minuti.
In treno: da München Hbf a Lechbruck am See. Tempo di percorrenza: 2 ore.

Links utili





Quarto giorno: Kaltenberg




Ultima tappa dell'itinerario è questa cittadina medievale famosa in particolare per due cose: la birra e il torneo cavalleresco. Ogni fine settimana di luglio viene messo in scena uno spettacolo cavalleresco nell’arena di questo paesino. Inoltre, un mercatino in stile medievale sullo sfondo del castello risalente al 1290 vi aiuterà a farvi tornare al tempo delle dame e dei cavalieri.

Come arrivare

In auto: tramite A96. Tempo di percorrenza 48 minuti.
Tramite la metropolitana S4, scendere alla fermata “Geltendorf” e prendere il bus fino al paese.

Links utili
www.kaltenberg.com/kaltenberg.html

Il torneo cavalleresco

Infine, per maggiori informazioni sui treni in territorio tedesco potete consultare il sito della Deutsche Bahn.

Cosa ne pensate?

Spero che questo itinerario vi sia utile per le vostre vacanze alla scoperta di una Baviera forse meno conosciuta e che questa nuova rubrica vi piaccia.

Commenti

Post popolari in questo blog

Impression de Sicile: Palerme

Versione italianaEnglish version
À différence de tous les autres voyages que j'ai fait, soigneusement pensés et organisés en avance, celui-là à Palerme a été tout à fait inattendu.  Bon, on m'a proposé d'y aller deux semaines avant du véritable départ, mais alors je ne savais pas encore si j'aurais pu y aller. La certitude est arrivée une semaine après, 7 jours avant de partir. Quelqu'un pourrait me dire: "Une semaine est plus que sufficent pour s'organiser". Sans doute. Mais une semaine n'a été pas assez pour me préparer à ce que j'aurais rencontré.

Perché festeggiamo Natale il 25 dicembre?

“Ti sei mai chiesta come mai il Natale si festeggia proprio il 25 dicembre?”

Quasi tutti gli anni. Col tempo, con lo studio ho potuto notare come molte, se non tutte, delle feste che celebriamo hanno un’origine lontana, spesso più di quel che si pensi. L’ho notato soprattutto con le feste religiose.  Pensa al giorni d’Ognissanti: è stata sovrapposta a una festa pagana. Anche il Natale è nato così.

Nel Sud di Carlo Levi. Una giornata ad Aliano, tra le case e i calanchi di "Cristo si è fermato ad Eboli"

L’auto corre veloce lungo la statale 598. Per un lungo tratto il nastro d’asfalto costeggia l’Agri, uno dei maggiori corsi d’acqua della Lucania, che dall’entroterra scivola lento fino alle fertili coste dello Jonio. Ma in questo periodo dell’anno, dopo l’arsura dei mesi estivi, è ridotto a poco più di un rigagnolo pietroso. Il Pollino è solo a pochi chilometri, verso sud. Eppure i suoi boschi e la sua frescura non sono che un miraggio, qui. Siamo nel cuore riarso della Basilicata, nel deserto argilloso dei calanchi. Con una curva a gomito la strada comincia la sua salita verso Aliano. Tutt’intorno il paesaggio si increspa, come un mare pietrificato. I calanchi sono fenditure scavate dalle piogge sul terreno friabile e privo di vegetazione. Si susseguono e si ramificano, creano grappoli di terra gialla, alti poche decine di metri, spaccati in gole e burroni, sui quali è impossibile arrampicarsi. Per raggiungere il paese c’è da passare un ponte. Intorno solo il vuoto del precipizio. …