Passa ai contenuti principali

Going for a walk in...Schongau?



Di solito quando si viaggia all’estero si punta a visitare prima di tutto le città più importanti e conosciute. Io, invece, quando sono stata in Germania ho preferito  visitare il paesino dove alloggiavo, vicino Monaco: Schongau.


Non essendo molto grande potrebbe non attirare l’attenzione del turista, ma basta varcare la soglia delle mura del centro storico per ritrovarsi in un posto degno di una fiaba dei fratelli Grimm.





















La cittadina medievale sorge sulle sponde del fiume Lech e la piazza principale, la Marienplatz, è circondata da edifici in stile gotico, dal Rathaus, ovvero il municipio, e dalla chiesa barocca Mariae Himmelfahrt.
































Ciò che adoro di questo luogo è la sua tranquillità: è il posto perfetto per “staccare la spina”. Apprezzo soprattutto l’abbondanza di verde. Facendo una passeggiata, inevitabilmente si attraversano sentieri alberati e prati i cui colori riempiono gli occhi e il cuore. Ovviamente mi sto riferendo al periodo estivo, perché in inverno tutto diventa un’unica distesa di neve candida.






















Se volete fare un tour della Romatische Strasse, questa è sicuramente una tappa che vale la pena di fare.   

Commenti

  1. ciao ilaria :) finalmente sei ritornata :D innanzitutto volevo farti le congratulazioni :D.. e poooi.. questo paesino è davvero bello! mi stai facendo innamorare della Baviera.. ricordo ancora benissimo il tuo post su Fussen!! :D un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Debora, grazie di cuore! :) Guarda, la Baviera è uno dei posti più magici che io abbia mai visto. Mi fa piacere che i post che scrivo trasmettano un po' di quella magia che mi incanta ogni volta. Un abbraccio a te :)

      Elimina
  2. che bel posticino! vorrei scoprire meglio la Baviera! Sono stata solo a Monaco :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Manu, in Baviera ci sono tantissimi di questi posticini, ognuno con una sua particolare caratteristica. Io, quando ho la possibilità di andarci, mi faccio sempre consigliare da chi vive lì ( e alle volte anche accompagnare :)) i luoghi più caratteristici. Ti auguro di riuscire a vedere anche questa parte della Baviera! :) Un abbraccio

      Elimina
    2. appena programmo, ti chiederò tutte le info!!! :D Grazie, un abbraccio!

      Elimina
    3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina

Posta un commento

Feel free to leave a comment!
I would be glad to know your opinion! ;)
Thank you! :)

Post popolari in questo blog

Impression de Sicile: Palerme

Versione italianaEnglish version
À différence de tous les autres voyages que j'ai fait, soigneusement pensés et organisés en avance, celui-là à Palerme a été tout à fait inattendu.  Bon, on m'a proposé d'y aller deux semaines avant du véritable départ, mais alors je ne savais pas encore si j'aurais pu y aller. La certitude est arrivée une semaine après, 7 jours avant de partir. Quelqu'un pourrait me dire: "Une semaine est plus que sufficent pour s'organiser". Sans doute. Mais une semaine n'a été pas assez pour me préparer à ce que j'aurais rencontré.

Perché festeggiamo Natale il 25 dicembre?

“Ti sei mai chiesta come mai il Natale si festeggia proprio il 25 dicembre?”

Quasi tutti gli anni. Col tempo, con lo studio ho potuto notare come molte, se non tutte, delle feste che celebriamo hanno un’origine lontana, spesso più di quel che si pensi. L’ho notato soprattutto con le feste religiose.  Pensa al giorni d’Ognissanti: è stata sovrapposta a una festa pagana. Anche il Natale è nato così.

Nel Sud di Carlo Levi. Una giornata ad Aliano, tra le case e i calanchi di "Cristo si è fermato ad Eboli"

L’auto corre veloce lungo la statale 598. Per un lungo tratto il nastro d’asfalto costeggia l’Agri, uno dei maggiori corsi d’acqua della Lucania, che dall’entroterra scivola lento fino alle fertili coste dello Jonio. Ma in questo periodo dell’anno, dopo l’arsura dei mesi estivi, è ridotto a poco più di un rigagnolo pietroso. Il Pollino è solo a pochi chilometri, verso sud. Eppure i suoi boschi e la sua frescura non sono che un miraggio, qui. Siamo nel cuore riarso della Basilicata, nel deserto argilloso dei calanchi. Con una curva a gomito la strada comincia la sua salita verso Aliano. Tutt’intorno il paesaggio si increspa, come un mare pietrificato. I calanchi sono fenditure scavate dalle piogge sul terreno friabile e privo di vegetazione. Si susseguono e si ramificano, creano grappoli di terra gialla, alti poche decine di metri, spaccati in gole e burroni, sui quali è impossibile arrampicarsi. Per raggiungere il paese c’è da passare un ponte. Intorno solo il vuoto del precipizio. …