Passa ai contenuti principali

Domenico Carella a Taranto: San Pasquale Baylon


Nel post precedente Alessio vi ha parlato della Cappella del Sacramento in San Martino. Questa volta ci spostiamo e vi porto a Taranto seguendo le tracce di Domenico Carella. In città si trovano diverse opere di questo pittore, io, però, mi soffermerò solo su uno di queste.

Piazza Garibaldi e la chiesa di San Pasquale Baylon


Quando si arriva nel centro di Taranto si incontra subito Piazza Garibaldi, ampia, attraversata da gente affaccendata e costeggiata da auto che si districano nel traffico cittadino. Sono nel bel mezzo della città e si vede.

 Dal centro della piazza guardo alla mia sinistra: oh, una chiesa. Quasi passa inosservata nella frenesia delle strade principali: è la chiesa di San Pasquale Baylon, adiacente al convento dei frati alcantarini e sullo stesso isolato del museo MARTA.


Entro. Non c’è nessuno all’interno e ad accogliermi c’è in sottofondo musica classica liturgica. La pace che c’è qui è totalmente in contrapposizione con la città rumorosa all’esterno. Rimango un  momento incantata ad ammirare ciò che ho davanti, poi, in punta di piedi imbocco la navata a destra e avanzo ammirando la ricchezza elegante della chiesa. Alle pareti vedo numerosi quadri. Li guardo con attenzione e noto che sono firmati. Questa chiesa è un’esaltazione della famiglia Carella: le opere sono state dipinte per la maggior parte da Francesco, come l’Estasi di San Pasquale che troneggia sull’altare maggiore e solo uno da suo padre Domenico.

Sono arrivata al transetto e dalla mia posizione scorgo un grande dipinto dell’Immacolata. Questo è di Domenico Carella e, a differenza di quelli di Francesco, non è firmato.


Non c’è molta luce; la penombra e il silenzio creano un’atmosfera solenne.

Mi avvicino per guardarlo meglio e lo sguardo si perde nei dettagli curati con maestria: la Madonna ha un’espressione serena, tranquilla, al punto da sembrare non curarsi di ciò che sta avvenendo, mentre gli angeli, che le sono attorno e la sorreggono, sembrano una squadra organizzatissima che si muove come se fossero uno solo. Sì, sembrano proprio muoversi! L’Immacolata si fida ciecamente e li lascia agire. Sotto di loro, perfettamente immobili, assistono alla scena San Francesco e San Bonaventura.

C’è il sacrestano.

La sua presenza mi riporta alla realtà.  


Temo che abbia qualcosa in contrario riguardo alla macchina fotografica che ho in mano; invece mi sorride con approvazione e mi lascia a contemplare il quadro ancora un po’ prima di uscire e ritornare alla vita della città.

Commenti

Post popolari in questo blog

Impression de Sicile: Palerme

Versione italianaEnglish version
À différence de tous les autres voyages que j'ai fait, soigneusement pensés et organisés en avance, celui-là à Palerme a été tout à fait inattendu.  Bon, on m'a proposé d'y aller deux semaines avant du véritable départ, mais alors je ne savais pas encore si j'aurais pu y aller. La certitude est arrivée une semaine après, 7 jours avant de partir. Quelqu'un pourrait me dire: "Une semaine est plus que sufficent pour s'organiser". Sans doute. Mais une semaine n'a été pas assez pour me préparer à ce que j'aurais rencontré.

Perché festeggiamo Natale il 25 dicembre?

“Ti sei mai chiesta come mai il Natale si festeggia proprio il 25 dicembre?”

Quasi tutti gli anni. Col tempo, con lo studio ho potuto notare come molte, se non tutte, delle feste che celebriamo hanno un’origine lontana, spesso più di quel che si pensi. L’ho notato soprattutto con le feste religiose.  Pensa al giorni d’Ognissanti: è stata sovrapposta a una festa pagana. Anche il Natale è nato così.

Nel Sud di Carlo Levi. Una giornata ad Aliano, tra le case e i calanchi di "Cristo si è fermato ad Eboli"

L’auto corre veloce lungo la statale 598. Per un lungo tratto il nastro d’asfalto costeggia l’Agri, uno dei maggiori corsi d’acqua della Lucania, che dall’entroterra scivola lento fino alle fertili coste dello Jonio. Ma in questo periodo dell’anno, dopo l’arsura dei mesi estivi, è ridotto a poco più di un rigagnolo pietroso. Il Pollino è solo a pochi chilometri, verso sud. Eppure i suoi boschi e la sua frescura non sono che un miraggio, qui. Siamo nel cuore riarso della Basilicata, nel deserto argilloso dei calanchi. Con una curva a gomito la strada comincia la sua salita verso Aliano. Tutt’intorno il paesaggio si increspa, come un mare pietrificato. I calanchi sono fenditure scavate dalle piogge sul terreno friabile e privo di vegetazione. Si susseguono e si ramificano, creano grappoli di terra gialla, alti poche decine di metri, spaccati in gole e burroni, sui quali è impossibile arrampicarsi. Per raggiungere il paese c’è da passare un ponte. Intorno solo il vuoto del precipizio. …