Passa ai contenuti principali

#unitinerarioalmese: Palermo, tra Oriente e Occidente

Palermo è una città in cui è possibile vedere ovunque l’unione di oriente e occidente, al punto da farmi pensare che questo sarebbe il paradiso per un orientalista. I suoi monumenti hanno uno stile talmente particolare da difficile rendere l’idea dando loro giustizia. Perciò mi affido a Guy de Maupassant, che nel suo Viaggio in Sicilia li descrive così:

Quando si sono visti questi monumenti che appartenenti a epoche e origini diverse, possiedono un medesimo carattere, una natura identica, si può dire che non sono né gotici, né arabi, né bizantini, ma siciliani; si può affermare che esiste un’arte siciliana, uno stile siciliano, sempre riconoscibile, che fra gli stili dell’architettura è certo il più attraente, il più vario, il più colorato, il più ricco d’inventiva.  
Sembrerebbe proprio una meraviglia, eh? E in effetti lo è. Con questo post vorrei proporvi un piccolo itinerario alla scoperta di alcuni dei monumenti più belli e importanti di Palermo, da non perdere soprattutto se siete affascinati dall’Oriente.

Santa Rosalia davanti la Cattedrale

Dunque, partiamo e incamminiamoci lungo via Maqueda direzione Quattro Canti.


# San Cataldo


Prima attrazione che trovate alla vostra destra. Questa chiesetta si fa notare per il suo aspetto: un parallelepipedo sormontato da tre cupole rosse. Risale al XII secolo e il suo interno è piuttosto semplice e spoglio, ma la pavimentazione si accaparrerà la vostra attenzione.

# La Martorana (Chiesa di Santa Maria dell’Ammiraglio alla Martorana)


No, non proseguite per via Maqueda, non è ancora il momento. Andate invece alla sinistra di San Cataldo, dove un campanile affiancato da un’altissima palma vi fa dubitare di essere ancora in Italia. Questa è la più famosa e bella chiesa medievale della città. All’interno troverete mosaici bizantini, l’abside normanna e affreschi barocchi, tutti insieme riuniti nello stesso posto perfettamente in armonia. Insomma, mentre altri popoli si facevano la guerra, qui arabi, siciliani e normanni collaboravano per dar vita a questa meraviglia!
Curiosità gastronomica: a Palermo uno dei dolci tipici è la frutta martorana, pasta di mandorle a cui è stata data forma e decorazione di frutti vari. Il suo nome deriva dal fatto che inizialmente questi dolcetti venivano fatti dalle monache della Martorana.

# Fontana Pretoria (o Fontana della Vergogna)

Da Piazza Bellini, dove si trova la Martorana, passiamo alla Fontana Pretoria attraverso un vicoletto. Questa fontana venne acquistata dalla città nel 1573 per superare in bellezza la Fontana di Orione di Messina. Vi state chiedendo perché “della Vergogna”, vero? La spiegazione è semplice e divertente: la fontana è animata da un tripudio di ninfe e tritoni nudi. Quando le monache di San Giuseppe dei Teatini, che si trova proprio di fronte alla fontana, le videro, esclamarono: “Che vergogna!”. Degli amici di Palermo mi hanno detto che per un po’ si è usato persino coprire con dei vestiti le nudità delle divinità svergognate.

# Quattro canti

Riprendiamo via Maqueda e dopo pochi passi eccoci arrivati ai Quattro Canti, incrocio dei due assi principali della città e punto di contatto dei quattro quartieri antichi, Albergheria, Capo, Kalsa e Vucciria. Sulle facciate dei quattro palazzi si possono ammirare statue e fontane rappresentanti re spagnoli, santi e stemmi.

Ora girate a sinistra e imboccate via Vittorio Emanuele. Passeggiando per questa via si incontrano negozietti e botteghe di tutti i tipi.

# Cattedrale di Maria SS. Assunta


A un certo punto spunta alla vostra destra, in tutto il suo splendore, la Cattedrale, una meraviglia di cupole, torri, pennacchi e volte. Davanti al portale principale, nel grande parco, troneggia la statua di Santa Rosalia, patrona della città. Si potrebbe restare ore ad ammirare questa costruzione così particolare, dal sapore quasi magico. Un’atmosfera data dalla fusione di diversi stili, anche qui, ma perfettamente fusi insieme. All’interno ospita la tomba di Federico II e dei re normanni e il tesoro che vanta la bellissima corona di Costanza d’Aragona. Inoltre è possibile visitare i tetti della Cattedrale, anche durante le ore serali. Guardate attentamente il pavimento: è rappresentata una meridiana “a camera oscura” realizzata nel 1801. Su di essa sono raffigurati i segni zodiacali. Alle 12, da una lanterna di una cupola, entra un raggio di luce che colpisce uno dei segni: esso indica la costellazione in cui ci si trova in quel preciso momento dell’anno.

Continuiamo il nostro itinerario e proseguiamo per via Vittorio Emanuele, passando Porta Nuova. Siamo diretti a Palazzo dei Normanni, in cui troveremo la famosa Cappella Palatina, patrimonio dell’umanità.

# Cappella Palatina


Meraviglia dorata che toglie il fiato non appena si varca la porta di questa cappella, altro esempio di unione tra elementi latini e bizantini. Le pareti sono interamente decorate da mosaici rappresentanti vicende del Nuovo Testamento e un immenso Cristo Pantocratore che ha il potere di farvi sentire piccoli piccoli di fronte a tanta immensità.

E con questo siamo giunti alla fine di questo itinerario. Cosa ne pensate?


Commenti

Post popolari in questo blog

Impression de Sicile: Palerme

Versione italianaEnglish version
À différence de tous les autres voyages que j'ai fait, soigneusement pensés et organisés en avance, celui-là à Palerme a été tout à fait inattendu.  Bon, on m'a proposé d'y aller deux semaines avant du véritable départ, mais alors je ne savais pas encore si j'aurais pu y aller. La certitude est arrivée une semaine après, 7 jours avant de partir. Quelqu'un pourrait me dire: "Une semaine est plus que sufficent pour s'organiser". Sans doute. Mais une semaine n'a été pas assez pour me préparer à ce que j'aurais rencontré.

I palmenti di Pietragalla

English versionVersion française

“Toh, guarda che carine! Sembrano le case degli hobbit!” Ecco cosa ho pensato quando, percorrendo i tornanti della statale 169, siamo arrivati a Pietragalla e abbiamo visto sfilare davanti a noi delle piccole costruzioni che facevano pensare alla Contea uscita dalla penna di Tolkien. “Pa’, ferma la macchina!” Era impensabile lasciare quel posto senza scoprire di cosa si trattasse.
Scesi dall’auto ci siamo avventurati tra le casette per finalmente scoprire che si trattava di tutt’altro ed ecco che siamo venuti a conoscenza dell’esistenza dei palmenti.

Benvenuti all'Inferno!

Lasciate ogni speranza voi che entrate



Sabato 3 giugno ho avuto la fortuna di essere invitata dalla digital strategist delle  Grotte di Castellana ad assistere a Hell in the Cave. È uno spettacolo unico nel suo genere che ha come palcoscenico la grotta della Grave nel complesso carsico che ha reso famosa Castellana Grotte. Mette in scena l’Inferno di Dante. Sin dalla prima edizione sono stata incuriosita da questa attrazione, ma ancora non ero riuscita ad assistervi. Fino ad ora.