Passa ai contenuti principali

Una visita da brivido: le Catacombe dei Cappuccini



Davanti a me si apre un’immensa galleria. Una quantità enorme di scheletri è lì di fonte a me, in piedi lungo le pareti. Sono tutti vestiti con abiti d’altri tempi: alcuni guardano in alto, altri in basso e altri ancora sembrano fissarmi con le loro orbite vuote. Ne vedo alcuni che sembrano sghignazzare e altri urlare dallo spavento. Sono scheletri di uomini, donne e persino bambini in questo posto macabro e inquietante.




No, non è un racconto dell’orrore o un brutto sogno. In realtà il luogo in questione esiste davvero e mi è parso l’argomento azzeccato ora che si avvicina la notte di Halloween. Sto parlando delle catacombe dei cappuccini di Palermo.

Lo ammetto, la visita a questo luogo potrebbe non essere per tutti. Io stessa, benché non sia una persona facilmente impressionabile, appena entrata nelle catacombe sono corsa al fianco dei miei compagni di viaggio. La distanza che si interpone tra i visitatori e i defunti è davvero poca.

Come detto sopra, gli scheletri sono abbigliati con gli abiti dell’epoca in cui sono morti, cioè il XVII-XIX secolo per lo più, e alcuni sono talmente ben conservati da avere ancora capelli e baffi.
Questo labirinto è suddiviso per categorie: ci sono gli uomini, i bambini, le donne e le ragazzine che sembrano bamboline nei loro vestitini, poste come sono nelle nicchie, i professionisti e persino le vergini, e poi i religiosi.

L’usanza di mummificare i morti era molto diffusa nel sud Italia e in particolare qui a Palermo.
Inizialmente a essere seppelliti nelle catacombe furono solo i frati cappuccini. Quando si scoprì che in questo posto i corpi tendevano a mummificarsi naturalmente, i frati cominciarono ad accogliere un numero superiore di salme, non soltanto di religiosi, ma anche di personaggi illustri palermitani, che , in cambio, facevano delle consistenti donazioni al convento.

Ma perché mummificare i corpi dei propri cari?

In questo modo i parenti vivi avevano la possibilità non solo di piangere i propri defunti, ma anche di vederli personalmente, di “far loro visita”, come se fossero stati ancora vivi.


Questo cimitero venne chiuso nel 1880. Si fece un’eccezione solo due volte in seguito: nel 1911 per Giovanni Paterniti, vice console degli Stati Uniti, e nel 1922 per Rosalia Lombardo, morta a soli due anni e conosciuta oggi come la mummia più bella del mondo.  

Commenti

Post popolari in questo blog

Impression de Sicile: Palerme

Versione italianaEnglish version
À différence de tous les autres voyages que j'ai fait, soigneusement pensés et organisés en avance, celui-là à Palerme a été tout à fait inattendu.  Bon, on m'a proposé d'y aller deux semaines avant du véritable départ, mais alors je ne savais pas encore si j'aurais pu y aller. La certitude est arrivée une semaine après, 7 jours avant de partir. Quelqu'un pourrait me dire: "Une semaine est plus que sufficent pour s'organiser". Sans doute. Mais une semaine n'a été pas assez pour me préparer à ce que j'aurais rencontré.

Perché festeggiamo Natale il 25 dicembre?

“Ti sei mai chiesta come mai il Natale si festeggia proprio il 25 dicembre?”

Quasi tutti gli anni. Col tempo, con lo studio ho potuto notare come molte, se non tutte, delle feste che celebriamo hanno un’origine lontana, spesso più di quel che si pensi. L’ho notato soprattutto con le feste religiose.  Pensa al giorni d’Ognissanti: è stata sovrapposta a una festa pagana. Anche il Natale è nato così.

Nel Sud di Carlo Levi. Una giornata ad Aliano, tra le case e i calanchi di "Cristo si è fermato ad Eboli"

L’auto corre veloce lungo la statale 598. Per un lungo tratto il nastro d’asfalto costeggia l’Agri, uno dei maggiori corsi d’acqua della Lucania, che dall’entroterra scivola lento fino alle fertili coste dello Jonio. Ma in questo periodo dell’anno, dopo l’arsura dei mesi estivi, è ridotto a poco più di un rigagnolo pietroso. Il Pollino è solo a pochi chilometri, verso sud. Eppure i suoi boschi e la sua frescura non sono che un miraggio, qui. Siamo nel cuore riarso della Basilicata, nel deserto argilloso dei calanchi. Con una curva a gomito la strada comincia la sua salita verso Aliano. Tutt’intorno il paesaggio si increspa, come un mare pietrificato. I calanchi sono fenditure scavate dalle piogge sul terreno friabile e privo di vegetazione. Si susseguono e si ramificano, creano grappoli di terra gialla, alti poche decine di metri, spaccati in gole e burroni, sui quali è impossibile arrampicarsi. Per raggiungere il paese c’è da passare un ponte. Intorno solo il vuoto del precipizio. …