Passa ai contenuti principali

Mare, collina o montagna? 3 proposte per Pasquetta



Non so nel resto del mondo, ma in Italia c’è la tradizione della gita per giorno della Pasquetta. A seconda dei gusti, c’è chi passa la giornata immerso nella natura, chi preferisce dedicarsi a scampagnate culturali o ancora chi ama ritrovarsi con amici e parenti a casa di uno dei partecipanti alla gita a far bisboccia. Io sono fra quelli che predilige passare la giornata a contatto con la natura e, se siete come me, sono qui per proporvi tre possibilità: una al mare, una in collina e una in montagna.


A mare - Area Marina Protetta Torre Guaceto


 Una riserva naturale nel bel Salento attrezzata per visite guidate e non. La bellezza di questo posto consiste nella diversità e fragilità degli ecosistemi presenti in questa zona. Il mio consiglio è di fare una lunga passeggiata alla volta della torre Aragonese e, una volta arrivati, di salire sulla torre per godere dello splendido panorama.


















In collina - Riserva Naturale Regionale Orientata Bosco Pianelle




Questo bosco mi riporta sempre all’infanzia, perché era una meta gettonatissima per qualsiasi tipo di gita. La riserva fa parte del Comune di Martina Franca ed è perfetta per chi ama fare pic nic e passeggiate nei boschi. A tal proposito sono segnalati diversi percorsi da seguire divisi per lunghezza e difficoltà. Inoltre lungo i sentieri si incontrano spesso costruzioni tipicamente pugliesi per la conservazione della legna oppure che fungevano da abbeveratoi. Infatti in epoca feudale questa zona era utilizzata per la raccolta della legna e il pascolo degli animali. Oggi possiamo ancora trovarne le testimonianze.


In montagna – Parco Nazionale del Pollino



Ho già parlato di questo parco qui. Per me è una delle zone montane più facilmente raggiungibili in un giorno, perciò, va da sé che questa rientra tra le mie mete preferite.



E voi dove andrete per Pasquetta? Mare, collina o montagna?      

Commenti

  1. Spero al mare,tempo permettendo, visto che per il momento è così inclemente.Belle le destinazioni che hai proposto, degne mete per una giornata così importante. Ciao

    RispondiElimina

Posta un commento

Feel free to leave a comment!
I would be glad to know your opinion! ;)
Thank you! :)

Post popolari in questo blog

Impression de Sicile: Palerme

Versione italianaEnglish version
À différence de tous les autres voyages que j'ai fait, soigneusement pensés et organisés en avance, celui-là à Palerme a été tout à fait inattendu.  Bon, on m'a proposé d'y aller deux semaines avant du véritable départ, mais alors je ne savais pas encore si j'aurais pu y aller. La certitude est arrivée une semaine après, 7 jours avant de partir. Quelqu'un pourrait me dire: "Une semaine est plus que sufficent pour s'organiser". Sans doute. Mais une semaine n'a été pas assez pour me préparer à ce que j'aurais rencontré.

Perché festeggiamo Natale il 25 dicembre?

“Ti sei mai chiesta come mai il Natale si festeggia proprio il 25 dicembre?”

Quasi tutti gli anni. Col tempo, con lo studio ho potuto notare come molte, se non tutte, delle feste che celebriamo hanno un’origine lontana, spesso più di quel che si pensi. L’ho notato soprattutto con le feste religiose.  Pensa al giorni d’Ognissanti: è stata sovrapposta a una festa pagana. Anche il Natale è nato così.

Nel Sud di Carlo Levi. Una giornata ad Aliano, tra le case e i calanchi di "Cristo si è fermato ad Eboli"

L’auto corre veloce lungo la statale 598. Per un lungo tratto il nastro d’asfalto costeggia l’Agri, uno dei maggiori corsi d’acqua della Lucania, che dall’entroterra scivola lento fino alle fertili coste dello Jonio. Ma in questo periodo dell’anno, dopo l’arsura dei mesi estivi, è ridotto a poco più di un rigagnolo pietroso. Il Pollino è solo a pochi chilometri, verso sud. Eppure i suoi boschi e la sua frescura non sono che un miraggio, qui. Siamo nel cuore riarso della Basilicata, nel deserto argilloso dei calanchi. Con una curva a gomito la strada comincia la sua salita verso Aliano. Tutt’intorno il paesaggio si increspa, come un mare pietrificato. I calanchi sono fenditure scavate dalle piogge sul terreno friabile e privo di vegetazione. Si susseguono e si ramificano, creano grappoli di terra gialla, alti poche decine di metri, spaccati in gole e burroni, sui quali è impossibile arrampicarsi. Per raggiungere il paese c’è da passare un ponte. Intorno solo il vuoto del precipizio. …