Passa ai contenuti principali

Mare, collina o montagna? 3 proposte per Pasquetta



Non so nel resto del mondo, ma in Italia c’è la tradizione della gita per giorno della Pasquetta. A seconda dei gusti, c’è chi passa la giornata immerso nella natura, chi preferisce dedicarsi a scampagnate culturali o ancora chi ama ritrovarsi con amici e parenti a casa di uno dei partecipanti alla gita a far bisboccia. Io sono fra quelli che predilige passare la giornata a contatto con la natura e, se siete come me, sono qui per proporvi tre possibilità: una al mare, una in collina e una in montagna.


A mare - Area Marina Protetta Torre Guaceto


 Una riserva naturale nel bel Salento attrezzata per visite guidate e non. La bellezza di questo posto consiste nella diversità e fragilità degli ecosistemi presenti in questa zona. Il mio consiglio è di fare una lunga passeggiata alla volta della torre Aragonese e, una volta arrivati, di salire sulla torre per godere dello splendido panorama.


















In collina - Riserva Naturale Regionale Orientata Bosco Pianelle




Questo bosco mi riporta sempre all’infanzia, perché era una meta gettonatissima per qualsiasi tipo di gita. La riserva fa parte del Comune di Martina Franca ed è perfetta per chi ama fare pic nic e passeggiate nei boschi. A tal proposito sono segnalati diversi percorsi da seguire divisi per lunghezza e difficoltà. Inoltre lungo i sentieri si incontrano spesso costruzioni tipicamente pugliesi per la conservazione della legna oppure che fungevano da abbeveratoi. Infatti in epoca feudale questa zona era utilizzata per la raccolta della legna e il pascolo degli animali. Oggi possiamo ancora trovarne le testimonianze.


In montagna – Parco Nazionale del Pollino



Ho già parlato di questo parco qui. Per me è una delle zone montane più facilmente raggiungibili in un giorno, perciò, va da sé che questa rientra tra le mie mete preferite.



E voi dove andrete per Pasquetta? Mare, collina o montagna?      

Commenti

  1. Spero al mare,tempo permettendo, visto che per il momento è così inclemente.Belle le destinazioni che hai proposto, degne mete per una giornata così importante. Ciao

    RispondiElimina

Posta un commento

Feel free to leave a comment!
I would be glad to know your opinion! ;)
Thank you! :)

Post popolari in questo blog

Roméo et Juliette: fiction ou réalité?

Versione italiana English version
Vérone = Roméo et Juliette
On ne peut pas nommer cette ville sans penser à l'histoire d'amour la plus connue de tous temps. Foules de jeunes (et moi aussi) se sont faits enchanter pas cette histoire et beaucoup d'eux, peut-être, décident de visiter Vérone juste parce qu'il est son scénario.  J'admets qu'une partie de moi voulais visiter cette ville pour voir la très connue Maison de Juliette (mais je souligne que ça n'est absolument pas la seule chose qui fait de Vérone une ville magique), mais je dois aussi dire que j'ai vécu cette expérience comme quelque chose de distanciant.  


Visiting Gioia del Colle: an itinerary

I’ve always thought that it’s not necessary to make long journeys to define yourself a “traveller” or to make great discoveries. On the contrary, it often happens that staying near your home you can be surprised by what you meet. Every day life makes you forget that around you there is so much to discover and to learn and sometimes it’s good to venture yourself with the eyes of a tourist in places that you “know”.
I’ve passed through Gioia del Colle so many times while going to Bari since when I attended university until nowadays and just recently I managed to visit it and to give a name to those monuments the I saw from the road.And to think it’s just a half an hour by car far from home.
The historic centre of Gioia del Colle dates back the 9th century and still nowadays it keeps its original conformation. Many alleys snake and connect around a focal point, the Norman-Swabian Castle. Visiting this place in the Land of Bari is an excellent way to spend a morning in history and, why not,…

Mago Greguro: miti e leggende della terra dei masciari

English versionVersion française
La magia ha sempre suscitato un certo fascino sull’essere umano. Egli la teme, ma allo stesso tempo ne è attirato e difficilmente riesce a resisterle. Non di rado capita di imbattersi nella vecchia saggezza popolare, che vuole che attraverso formule magiche e preghiere si riesca a guarire, togliere o lanciare il malocchio, ovvero quello che viene chiamato “affascino”. Massafra, per esempio, si è costruita una fama su questa tradizione popolare, non a caso viene chiamata la “terra dei masciari”.