Passa ai contenuti principali

Dove sono stata e riflessioni sui viaggi

Rieccomi qui dopo mesi di assenza. Non è che non avessi nulla da scrivere o voglia di curare il blog, semplicemente non ho avuto la possibilità di dedicarmici perché ero in viaggio, più precisamente sono stata in Germania. Non ho semplicemente viaggiato, ma ho vissuto per due lunghi mesi da, per così dire, “expat”. Ebbene sì, per la prima volta ho provato cosa vuol dire vivere, studiare e lavorare in un paese che non è il mio. Ma andiamo con ordine.




Verso la fine di giugno sono partita per Heidelberg con l’intento di frequentare un corso di lingua per migliorare il mio tedesco. Ho sempre avuto qualche problemino col tedesco, soprattutto nel parlarlo, perciò dopo la laurea, essendo ancora sfaccendata, ho pensato: “Perché non sfruttare questo periodo di inattività per fare un’esperienza all’estero e nel contempo migliorare il mio tedesco? Quale occasione migliore?” E così, piena di entusiasmo e non poca paura, ho fatto i bagagli e sono partita. L’idea iniziale era quella di rimanere solo un mese in questa città. Non immaginavo che avrei prolungato il mio soggiorno fino alla fine di agosto, trovando perfino un lavoretto stagionale in uno dei luoghi più turistici della Germania.

Ora che sono tornata, tutti mi chiedono, pieni di aspettativa, come sia stata questa esperienza. Volete sapere una cosa? Dopo un primo periodo in cui tutto è bello e nuovo, ci si abitua e si guardano le cose in modo oggettivo. Non sto dicendo che non sia stato niente di che: tutt’altro! È stata un’esperienza formativa, soprattutto a livello umano, di quelle che ti fanno aprire gli occhi e realizzare che oltre le frontiere, a prescindere dalle differenze culturali, siamo tutti uguali. Per intenderci, nella mia classe ho incontrato ragazzi provenienti da Siria, Spagna, Giappone, Turchia, Brasile, Ecuador e persino Taiwan e tutti desideravano le stesse cose, si lamentavano delle stesse cose, sognavano le stesse cose. Conversando con loro ho avuto conferma di ciò che ho sempre pensato: l’essere umano è uguale ovunque. Possiamo avere differenti background culturali, possiamo chiamare le cose in modo diverso, gesticolare in modo diverso, ma sotto sotto condividiamo le stesse paure, gli stessi sogni, le stesse aspettative. Chi viaggia è in una condizione privilegiata, perché ha la possibilità di sperimentare quanto sto cercando di dire con non poca fatica. È ovvio, però, che non basta prenotare un biglietto e passare una settimana, se non meno, in un posto per rendersi conto di questa verità. È fondamentale socializzare con le persone, non considerandole in modo particolare solo perché sono di una nazionalità diversa e parlano un’altra lingua, ma in quanto esseri umani che possono insegnarci qualcosa. Questo non avviene senza sforzo da parte nostra: chi viaggia deve avere la mente aperta, sapere che non può giudicare ogni singolo esponente di un popolo solo basandosi su stereotipi, comprendendo che se una persona non ci va a genio, non vuol dire che tutta una nazione debba esserci antipatica.

Tirando le somme, da questa esperienza ho capito che va bene amare l’arte, il cibo, la natura di un posto. Ma pensate una cosa: da chi è fatto quel luogo? Sarebbe la stessa cosa se non ci fossero le persone che lo abitano? Avrebbe lo stesso fascino, la stessa storia, le stesse caratteristiche? Ritengo che per scoprire un luogo, si debba capire le persone. Sono loro la vera risorsa che una terra ha, non il contrario. Cosa sarebbe il mondo senza la memoria della gente? Niente di più che un ammasso di mattoni, cemento o una distesa naturale che, sebbene bellissimo, col tempo si deteriora e svanisce. 

Quando sono partita non pensavo che avrei realizzato tutto ciò. Certo, ho sempre saputo che non bisogna lasciarsi “infinocchiare” dagli stereotipi, ma un conto è saperlo e un altro è viverlo direttamente. Voi che dite?


E così, con questo post così “profondo”, vi ho aggiornato un po’ sulle mie ultime vicissitudini. A breve scriverò anche post dedicati alla città che per un breve periodo ho chiamato casa (perché non è che sono fuori e non faccio un po’ la turista, no?).

Commenti

  1. Ecco dove eri finita :) dai, è stata una bella esperienza allora :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao!! Sì, è stata davvero una bella esperienza! Io la consiglierei a tutti di farla almeno una volta nella vita ;) Un abbraccio

      Elimina
  2. Vivere qualche mese in un luogo lontano da casa è una cosa che sogno di fare da una vita! Complimenti a te che sei riuscita e bentornata :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie :D Guarda, anche io ho sempre sognato di farla, ma di certo non immaginavo di farla così e soprattutto non in Germania (ho sempre pensato di farla in Gran Bretagna o Francia). La vita riserva sempre un sacco di sorprese :D Allora, in bocca al lupo e spero che tu riesca presto a coronare il tuo sogno estero ;) Un abbraccio

      Elimina

Posta un commento

Feel free to leave a comment!
I would be glad to know your opinion! ;)
Thank you! :)

Post popolari in questo blog

Impression de Sicile: Palerme

Versione italianaEnglish version
À différence de tous les autres voyages que j'ai fait, soigneusement pensés et organisés en avance, celui-là à Palerme a été tout à fait inattendu.  Bon, on m'a proposé d'y aller deux semaines avant du véritable départ, mais alors je ne savais pas encore si j'aurais pu y aller. La certitude est arrivée une semaine après, 7 jours avant de partir. Quelqu'un pourrait me dire: "Une semaine est plus que sufficent pour s'organiser". Sans doute. Mais une semaine n'a été pas assez pour me préparer à ce que j'aurais rencontré.

Perché festeggiamo Natale il 25 dicembre?

“Ti sei mai chiesta come mai il Natale si festeggia proprio il 25 dicembre?”

Quasi tutti gli anni. Col tempo, con lo studio ho potuto notare come molte, se non tutte, delle feste che celebriamo hanno un’origine lontana, spesso più di quel che si pensi. L’ho notato soprattutto con le feste religiose.  Pensa al giorni d’Ognissanti: è stata sovrapposta a una festa pagana. Anche il Natale è nato così.

Nel Sud di Carlo Levi. Una giornata ad Aliano, tra le case e i calanchi di "Cristo si è fermato ad Eboli"

L’auto corre veloce lungo la statale 598. Per un lungo tratto il nastro d’asfalto costeggia l’Agri, uno dei maggiori corsi d’acqua della Lucania, che dall’entroterra scivola lento fino alle fertili coste dello Jonio. Ma in questo periodo dell’anno, dopo l’arsura dei mesi estivi, è ridotto a poco più di un rigagnolo pietroso. Il Pollino è solo a pochi chilometri, verso sud. Eppure i suoi boschi e la sua frescura non sono che un miraggio, qui. Siamo nel cuore riarso della Basilicata, nel deserto argilloso dei calanchi. Con una curva a gomito la strada comincia la sua salita verso Aliano. Tutt’intorno il paesaggio si increspa, come un mare pietrificato. I calanchi sono fenditure scavate dalle piogge sul terreno friabile e privo di vegetazione. Si susseguono e si ramificano, creano grappoli di terra gialla, alti poche decine di metri, spaccati in gole e burroni, sui quali è impossibile arrampicarsi. Per raggiungere il paese c’è da passare un ponte. Intorno solo il vuoto del precipizio. …