Passa ai contenuti principali

Ostuni: la Città Bianca



Parliamo di Ostuni, la “Città Bianca”.

La Città Bianca al tramonto!


Durante l’estate non manca mai una scampagnata nel bel centro storico di questa città arroccato su una collina, che col suo candore incombe sugli uliveti della Murgia.

Sin dall'antichità questo posto è stato crocevia di popoli diversi, Japigi e Messapi, Ostrogoti e Longobardi, Svevi e Normanni, e anche ai giorni nostri questa è una caratteristica che Ostuni ancora conserva. Nella folla si sente un miscuglio meraviglioso di lingue diverse!

Io qui prenderei qualcosa di fresco...e voi?


La città vecchia è un saliscendi di vicoletti, assortiti di negozietti di souvenirs e sfiziosità gustose tipiche di questa terra. Seguendo la strada principale si arriva alla Cattedrale: fermatevi ad ammirare il rosone splendido della facciata (poche cose sono così belle) per finire con un vicolo che dà sul belvedere.







I vicoli della città vecchia






















La cattedrale e il suo rosone

Cammina cammina...verso il belvedere!


Il benevolo Sant'Oronzo


























Cosa ne pensate di questa piccola perla pugliese? Io non mi perdo mai l’occasione di andare a farvi una passeggiata e magari prendere un aperitivo ai piedi di Sant’Oronzo. E voi? Siete mai stati nella “Città Bianca”?

Commenti

  1. Che meraviglia! No, non ci sono mai stata ma mi piacerebbe :)

    Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti consiglio di andarci in estate. C'è tanta gente, ma questo è un aspetto che contribuisce alla sua bellezza, soprattutto visto il miscuglio di lingue che si sente per le vie del centro storico.

      Elimina
  2. bella, ci sono stata da piccola e mi piacerebbe tanto vedere se e come è cambiata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non saprei dirti se è cambiata...sicuramente si. Quindi devi andare a rivederla ;)

      Elimina

Posta un commento

Feel free to leave a comment!
I would be glad to know your opinion! ;)
Thank you! :)

Post popolari in questo blog

Impression de Sicile: Palerme

Versione italianaEnglish version
À différence de tous les autres voyages que j'ai fait, soigneusement pensés et organisés en avance, celui-là à Palerme a été tout à fait inattendu.  Bon, on m'a proposé d'y aller deux semaines avant du véritable départ, mais alors je ne savais pas encore si j'aurais pu y aller. La certitude est arrivée une semaine après, 7 jours avant de partir. Quelqu'un pourrait me dire: "Une semaine est plus que sufficent pour s'organiser". Sans doute. Mais une semaine n'a été pas assez pour me préparer à ce que j'aurais rencontré.

I palmenti di Pietragalla

English versionVersion française

“Toh, guarda che carine! Sembrano le case degli hobbit!” Ecco cosa ho pensato quando, percorrendo i tornanti della statale 169, siamo arrivati a Pietragalla e abbiamo visto sfilare davanti a noi delle piccole costruzioni che facevano pensare alla Contea uscita dalla penna di Tolkien. “Pa’, ferma la macchina!” Era impensabile lasciare quel posto senza scoprire di cosa si trattasse.
Scesi dall’auto ci siamo avventurati tra le casette per finalmente scoprire che si trattava di tutt’altro ed ecco che siamo venuti a conoscenza dell’esistenza dei palmenti.

Benvenuti all'Inferno!

Lasciate ogni speranza voi che entrate



Sabato 3 giugno ho avuto la fortuna di essere invitata dalla digital strategist delle  Grotte di Castellana ad assistere a Hell in the Cave. È uno spettacolo unico nel suo genere che ha come palcoscenico la grotta della Grave nel complesso carsico che ha reso famosa Castellana Grotte. Mette in scena l’Inferno di Dante. Sin dalla prima edizione sono stata incuriosita da questa attrazione, ma ancora non ero riuscita ad assistervi. Fino ad ora.