Passa ai contenuti principali

Perché festeggiamo Natale il 25 dicembre?

“Ti sei mai chiesta come mai il Natale si festeggia proprio il 25 dicembre?”


Quasi tutti gli anni. Col tempo, con lo studio ho potuto notare come molte, se non tutte, delle feste che celebriamo hanno un’origine lontana, spesso più di quel che si pensi. L’ho notato soprattutto con le feste religiose.  Pensa al giorni d’Ognissanti: è stata sovrapposta a una festa pagana. Anche il Natale è nato così.


 Facciamo un salto indietro fino ad arrivare agli antichi Romani. Come saprai si trattava di un popolo pagano prima che il Cristianesimo venisse proclamato culto ufficiale dell’Impero. E saprai anche che pochi giorni prima del 25 dicembre cade il solstizio d’inverno. Questo periodo rappresentava un passaggio particolarmente importante per la gente la cui fonte di sostentamento principale era l’agricoltura, perché è da questo momento che le giornate riprendono ad allungarsi e l’oscurità lascia spazio alla luce, al calore e alla vita.

“Suona familiare”

Certo, ma continuiamo il racconto con ordine.

Dal 17 al 23 dicembre i Romani usavano celebrare le feste dei Saturnali, dedicate a Saturno, il dio dell’agricoltura. Durante queste feste si usava scambiarsi doni come segno di pace e prosperità, augurandosi che il periodo successivo avrebbe portato un rinnovamento.
I simboli utilizzati durante questi festeggiamenti erano quelli dell’eterna giovinezza di Dioniso, cioè il mirto, il lauro  e l’edera. 


“Siamo passati da Saturno a Dioniso?”

Sì, perché durante il solstizio d’inverno si festeggiava la sua rinascita come bambino dopo essere stato fatto a pezzi. Ma il nome che devi ricordare adesso è quello del dio Mitra, un dio orientale che si incarnò in una vergine e nacque nel solstizio d’inverno.

“Ma non stavamo parlando di Roma?”

Be’, sì, ma avevano anche contatti con l’oriente. Infatti il culto di Mitra, associato al Sol Invictus, sebbene fosse stato introdotto per la prima volta dall’imperatore Eliogabalo, si diffuse a Roma grazie ad Aureliano, che sconfisse la principale nemica dell’Impero, la regina Zenobia del Regno di Palmira, grazie all’aiuto militare della città stato di Emesa. Lui raccontò di aver avuto una visione del Sole di Emesa, che veniva a rincuorare le truppe romane in difficoltà. Portò quindi con sé, ritornando a Roma, i sacerdoti del dio Sol Invictus di Emesa e fece erigere un tempio al dio. Il 25 dicembre 274 venne consacrato il tempio con una festa chiamata Dies Natalis Solis Invicti. Col passare degli anni il Sol Invictus diventò la divinità più importante e la festa in suo onore venne inclusa negli antichi Saturnalia.


Per arrivare alla comparsa del Natale cristiano dobbiamo aspettare Costantino, il quale ufficializzò la festa della nascita di Gesù nel 330 e la fece coincidere con il giorno del Dies Natalis Solis Invicti. Dopo sette anni, nel 337, il papa Giulio I ufficializzò quella stessa data per conto della Chiesa cattolica. 
  
“Ma il senso della festa più o meno rimane lo stesso…”                                  

Considerando che si festeggia la vincita della luce sulle tenebre e nuovo periodo di pace e prosperità, sì, potremmo dire che è così.

Commenti

Post popolari in questo blog

Impression de Sicile: Palerme

Versione italianaEnglish version
À différence de tous les autres voyages que j'ai fait, soigneusement pensés et organisés en avance, celui-là à Palerme a été tout à fait inattendu.  Bon, on m'a proposé d'y aller deux semaines avant du véritable départ, mais alors je ne savais pas encore si j'aurais pu y aller. La certitude est arrivée une semaine après, 7 jours avant de partir. Quelqu'un pourrait me dire: "Une semaine est plus que sufficent pour s'organiser". Sans doute. Mais une semaine n'a été pas assez pour me préparer à ce que j'aurais rencontré.

Nel Sud di Carlo Levi. Una giornata ad Aliano, tra le case e i calanchi di "Cristo si è fermato ad Eboli"

L’auto corre veloce lungo la statale 598. Per un lungo tratto il nastro d’asfalto costeggia l’Agri, uno dei maggiori corsi d’acqua della Lucania, che dall’entroterra scivola lento fino alle fertili coste dello Jonio. Ma in questo periodo dell’anno, dopo l’arsura dei mesi estivi, è ridotto a poco più di un rigagnolo pietroso. Il Pollino è solo a pochi chilometri, verso sud. Eppure i suoi boschi e la sua frescura non sono che un miraggio, qui. Siamo nel cuore riarso della Basilicata, nel deserto argilloso dei calanchi. Con una curva a gomito la strada comincia la sua salita verso Aliano. Tutt’intorno il paesaggio si increspa, come un mare pietrificato. I calanchi sono fenditure scavate dalle piogge sul terreno friabile e privo di vegetazione. Si susseguono e si ramificano, creano grappoli di terra gialla, alti poche decine di metri, spaccati in gole e burroni, sui quali è impossibile arrampicarsi. Per raggiungere il paese c’è da passare un ponte. Intorno solo il vuoto del precipizio. …