Passa ai contenuti principali

Perché festeggiamo Natale il 25 dicembre?

“Ti sei mai chiesta come mai il Natale si festeggia proprio il 25 dicembre?”


Quasi tutti gli anni. Col tempo, con lo studio ho potuto notare come molte, se non tutte, delle feste che celebriamo hanno un’origine lontana, spesso più di quel che si pensi. L’ho notato soprattutto con le feste religiose.  Pensa al giorni d’Ognissanti: è stata sovrapposta a una festa pagana. Anche il Natale è nato così.


 Facciamo un salto indietro fino ad arrivare agli antichi Romani. Come saprai si trattava di un popolo pagano prima che il Cristianesimo venisse proclamato culto ufficiale dell’Impero. E saprai anche che pochi giorni prima del 25 dicembre cade il solstizio d’inverno. Questo periodo rappresentava un passaggio particolarmente importante per la gente la cui fonte di sostentamento principale era l’agricoltura, perché è da questo momento che le giornate riprendono ad allungarsi e l’oscurità lascia spazio alla luce, al calore e alla vita.

“Suona familiare”

Certo, ma continuiamo il racconto con ordine.

Dal 17 al 23 dicembre i Romani usavano celebrare le feste dei Saturnali, dedicate a Saturno, il dio dell’agricoltura. Durante queste feste si usava scambiarsi doni come segno di pace e prosperità, augurandosi che il periodo successivo avrebbe portato un rinnovamento.
I simboli utilizzati durante questi festeggiamenti erano quelli dell’eterna giovinezza di Dioniso, cioè il mirto, il lauro  e l’edera. 


“Siamo passati da Saturno a Dioniso?”

Sì, perché durante il solstizio d’inverno si festeggiava la sua rinascita come bambino dopo essere stato fatto a pezzi. Ma il nome che devi ricordare adesso è quello del dio Mitra, un dio orientale che si incarnò in una vergine e nacque nel solstizio d’inverno.

“Ma non stavamo parlando di Roma?”

Be’, sì, ma avevano anche contatti con l’oriente. Infatti il culto di Mitra, associato al Sol Invictus, sebbene fosse stato introdotto per la prima volta dall’imperatore Eliogabalo, si diffuse a Roma grazie ad Aureliano, che sconfisse la principale nemica dell’Impero, la regina Zenobia del Regno di Palmira, grazie all’aiuto militare della città stato di Emesa. Lui raccontò di aver avuto una visione del Sole di Emesa, che veniva a rincuorare le truppe romane in difficoltà. Portò quindi con sé, ritornando a Roma, i sacerdoti del dio Sol Invictus di Emesa e fece erigere un tempio al dio. Il 25 dicembre 274 venne consacrato il tempio con una festa chiamata Dies Natalis Solis Invicti. Col passare degli anni il Sol Invictus diventò la divinità più importante e la festa in suo onore venne inclusa negli antichi Saturnalia.


Per arrivare alla comparsa del Natale cristiano dobbiamo aspettare Costantino, il quale ufficializzò la festa della nascita di Gesù nel 330 e la fece coincidere con il giorno del Dies Natalis Solis Invicti. Dopo sette anni, nel 337, il papa Giulio I ufficializzò quella stessa data per conto della Chiesa cattolica. 
  
“Ma il senso della festa più o meno rimane lo stesso…”                                  

Considerando che si festeggia la vincita della luce sulle tenebre e nuovo periodo di pace e prosperità, sì, potremmo dire che è così.

Commenti

Post popolari in questo blog

Visiting Gioia del Colle: an itinerary

I’ve always thought that it’s not necessary to make long journeys to define yourself a “traveller” or to make great discoveries. On the contrary, it often happens that staying near your home you can be surprised by what you meet. Every day life makes you forget that around you there is so much to discover and to learn and sometimes it’s good to venture yourself with the eyes of a tourist in places that you “know”.
I’ve passed through Gioia del Colle so many times while going to Bari since when I attended university until nowadays and just recently I managed to visit it and to give a name to those monuments the I saw from the road.And to think it’s just a half an hour by car far from home.
The historic centre of Gioia del Colle dates back the 9th century and still nowadays it keeps its original conformation. Many alleys snake and connect around a focal point, the Norman-Swabian Castle. Visiting this place in the Land of Bari is an excellent way to spend a morning in history and, why not,…

Roméo et Juliette: fiction ou réalité?

Versione italiana English version
Vérone = Roméo et Juliette
On ne peut pas nommer cette ville sans penser à l'histoire d'amour la plus connue de tous temps. Foules de jeunes (et moi aussi) se sont faits enchanter pas cette histoire et beaucoup d'eux, peut-être, décident de visiter Vérone juste parce qu'il est son scénario.  J'admets qu'une partie de moi voulais visiter cette ville pour voir la très connue Maison de Juliette (mais je souligne que ça n'est absolument pas la seule chose qui fait de Vérone une ville magique), mais je dois aussi dire que j'ai vécu cette expérience comme quelque chose de distanciant.  


Impression de Sicile: Palerme

Versione italianaEnglish version
À différence de tous les autres voyages que j'ai fait, soigneusement pensés et organisés en avance, celui-là à Palerme a été tout à fait inattendu.  Bon, on m'a proposé d'y aller deux semaines avant du véritable départ, mais alors je ne savais pas encore si j'aurais pu y aller. La certitude est arrivée une semaine après, 7 jours avant de partir. Quelqu'un pourrait me dire: "Une semaine est plus que sufficent pour s'organiser". Sans doute. Mais une semaine n'a été pas assez pour me préparer à ce que j'aurais rencontré.