Passa ai contenuti principali

Il Dolmen di Leucaspide

Questo novembre ci sta regalando giornate inaspettatamente calde e soleggiate. Ci si affaccia alla finestra e tutto suggerisce una bella gitarella. Come resistere?

Con questo bel sole caldo ho deciso di prendere la bicicletta e passare la mattinata nella natura, visitando un sito nei pressi del luogo in cui vivo, che forse in pochi conoscono: il dolmen di Leucaspide.



Non è un mistero che la Puglia ospiti di queste costruzioni megalitiche e qualcuno potrebbe anche considerarle poco interessanti...punti di vista.

Questo dolmen si trova nel comune di Statte, in provincia di Taranto, vicino a una delle masserie più grandi della zona, Accetta Grande (che invece è nel comune di Massafra). Per raggiungerlo, bisogna sapere dove andare. Infatti, dopo aver lasciato la strada asfaltata, ci si avventura in un boschetto. Dopo aver camminato per un piccolo tratto come Pollicino, eccolo lì, che si erge in una piccola radura.


Storicamente non si sa molto di questa costruzione, se non che venisse chiamato dolmen di Leucaspide o di San Giovanni o ancora “Tavola dei Paladini”. Quest’ultimo nome gli venne dato dalla viaggiatrice inglese Janet Ross, che si trovò a soggiornare a Massafra nel 1887. Si pensava, infatti, che sulla tavola del dolmen venissero imbanditi banchetti dai paladini, ma non ci sono prove che avvalorino questa teoria, semmai il contrario.


Una cosa è certa: non si resiste, bisogna entrarci! In fin dei conti si tratta di una stanzetta senza niente di particolare, ma il corridoio antistante l’entrata (o meglio, ciò che ne rimane) invita ad “accomodarsi”. Ha davvero un che di irresistibile! Per non parlare della natura, del verde del prato, dei fiorellini più primaverili che autunnali, del cinguettio degli uccelli, che ti fa dimenticare che poco lontano da lì c’è una strada a scorrimento veloce.

Come raggiungere questo angolo meraviglioso?

Ahimè, bisogna necessariamente avere un mezzo privato. Io, come ho già detto, ci sono andata in bicicletta, ma sinceramente, sebbene sia molto bella e comoda come esperienza, sconsiglierei questa soluzione. La strada che si deve percorrere è piuttosto stretta e, purtroppo, trafficata. Inoltre, dire che gli automobilisti sfrecciano sarebbe un eufemismo. Sarebbe molto bello se venisse reso tutto più accessibile anche a mezzi non motorizzati, magari con percorsi ad hoc, ma purtroppo non dipende da me.

Ad ogni modo, non posso far altro che ringraziare questo novembre così clemente, che mi ha permesso di prendermi una così piacevole pausa tra i miei vari impegni.


E voi? Dove vi sta portando il vostro novembre? 

Commenti

  1. Il problema delle auto che sfrecciano incuranti di pedoni e ciclisti è davvero irrisolvibile, peccato che per la noncuranca di molti ( in questo caso il detto non va bene :-) ) i pochi debbano patire e a volte anche dolorosamente; incidenti ne capitano, ma potrebbero essere evitati solo operando con giudizio e prudenza, ma farlo capire è un'impresa.
    Bellissimo il luogo che hai presentato, un tuffo nel passato con un'aria primaverile ma anche lei fuori periodo.

    È sempre un piacere leggerti e conoscere nuove realtà; sconosciute a molti ma non per questo poco interessanti.
    Ciao, alla prossima.
    Tra monti, mari e gravine

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo questa è la situazione e non possiamo fare altro che essere prudenti.
      Mi fa piacere che il post piaccia :) Grazie per il commento!

      Un abbraccio

      Elimina

Posta un commento

Feel free to leave a comment!
I would be glad to know your opinion! ;)
Thank you! :)

Post popolari in questo blog

Impression de Sicile: Palerme

Versione italianaEnglish version
À différence de tous les autres voyages que j'ai fait, soigneusement pensés et organisés en avance, celui-là à Palerme a été tout à fait inattendu.  Bon, on m'a proposé d'y aller deux semaines avant du véritable départ, mais alors je ne savais pas encore si j'aurais pu y aller. La certitude est arrivée une semaine après, 7 jours avant de partir. Quelqu'un pourrait me dire: "Une semaine est plus que sufficent pour s'organiser". Sans doute. Mais une semaine n'a été pas assez pour me préparer à ce que j'aurais rencontré.

I palmenti di Pietragalla

English versionVersion française

“Toh, guarda che carine! Sembrano le case degli hobbit!” Ecco cosa ho pensato quando, percorrendo i tornanti della statale 169, siamo arrivati a Pietragalla e abbiamo visto sfilare davanti a noi delle piccole costruzioni che facevano pensare alla Contea uscita dalla penna di Tolkien. “Pa’, ferma la macchina!” Era impensabile lasciare quel posto senza scoprire di cosa si trattasse.
Scesi dall’auto ci siamo avventurati tra le casette per finalmente scoprire che si trattava di tutt’altro ed ecco che siamo venuti a conoscenza dell’esistenza dei palmenti.

Benvenuti all'Inferno!

Lasciate ogni speranza voi che entrate



Sabato 3 giugno ho avuto la fortuna di essere invitata dalla digital strategist delle  Grotte di Castellana ad assistere a Hell in the Cave. È uno spettacolo unico nel suo genere che ha come palcoscenico la grotta della Grave nel complesso carsico che ha reso famosa Castellana Grotte. Mette in scena l’Inferno di Dante. Sin dalla prima edizione sono stata incuriosita da questa attrazione, ma ancora non ero riuscita ad assistervi. Fino ad ora.