Passa ai contenuti principali

#unitinerarioalmese: itinerario nella Valle d'Itria




Per la rubrica #unitinerarioalmese questa volta vi propongo un itinerario tutto italiano, anzi pugliese, alla scoperta della Valle d’Itria. Anche questo tour è pensato per essere realizzato in un finesettimana, visitando alcune perle di questa zona.


Locorotondo



Ho già scritto di questo paese qui. A vederla dal basso, mentre la si raggiunge, sembra una corona sulla collina sulla quale si erge. Per un tour della Valle d’Itria, secondo me è il posto perfetto in cui far base, soggiornando in una delle case tipiche dette Cummerse.

Martina Franca
La città del famoso Festival della Valle d’Itria è una tappa che non può mancare in un itinerario del genere. Passeggiate per le vie del centro storico, vero e proprio gioiello barocco, in cui potrete visitare il palazzo ducale e la basilica di San Martino. Tutta la città vecchia, in verità, è una bomboniera in cui è possibile apprezzare l’influenza greco-araba nella struttura delle abitazioni. Inoltre, non bisogna dimenticare le specialità gastronomiche di questa terra: non esitate ad assaporare il vino locale e il capocollo!

Cisternino



Eletto Borgo più bello d’Italia, è un piacere passeggiare per le viuzze di questo paese. Tra le cose da vedere assolutamente ci sono la Torre di Porta Grande, la Chiesa Matrice di San Nicola e il Santuario della Madonna d’Ibernia. Vera specialità gastronomica è la carne arrostita: non dovete far altro che scegliere una braceria, sedervi e gustare le prelibatezze di questa terra.

Alberobello



Non ha bisogno di presentazioni. Patrimonio UNESCO, è famosa soprattutto per i suoi trulli, abitazioni tipiche di questa zona. Possedere un trullo al giorno d’oggi è un vero privilegio, soprattutto qui. Se volete avere un’idea di come siano queste costruzioni all’interno, potete visitare il “Trullo sovrano”, il più grande della città. Si tratta di un trullo risalente al XVIII secolo, convertito oggi in un museo.

Questi posti sono tutti piuttosto vicini tra loro e per gli spostamenti, se non siete auto muniti, potete affidarvi sia ai treni che agli autobus delle Ferrovie del Sud-Est

Commenti

  1. Scegliere sarebbe difficile e sicuramente con il rimpianto per le altre tralasciate. Per fortuna sono vicine e con il tuo itinerario è possibile godere di tutte. Affascinante. Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì, per fortuna sono tutte vicine e in un fine settimana si riesce a visitarle. Secondo me è bellissimo visitarle anche di sera: decisamente da non perdere! Ciao!

      Elimina
  2. Sono stata in Valle d'Itria qualche settimana fa, che posti magnifici! Anch'io ho creato un itinerario ed è strano vedere come l'Italia offra talmente tante cose belle che ognuno può creare il suo viaggio e non sarà mai uguale a quello di qualcun'altro :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! E' una cosa meravigliosa! Non si può mai dire che si conosce perfettamente un luogo :) Grazie per essere passata :) Un abbraccio

      Elimina

Posta un commento

Feel free to leave a comment!
I would be glad to know your opinion! ;)
Thank you! :)

Post popolari in questo blog

Impression de Sicile: Palerme

Versione italianaEnglish version
À différence de tous les autres voyages que j'ai fait, soigneusement pensés et organisés en avance, celui-là à Palerme a été tout à fait inattendu.  Bon, on m'a proposé d'y aller deux semaines avant du véritable départ, mais alors je ne savais pas encore si j'aurais pu y aller. La certitude est arrivée une semaine après, 7 jours avant de partir. Quelqu'un pourrait me dire: "Une semaine est plus que sufficent pour s'organiser". Sans doute. Mais une semaine n'a été pas assez pour me préparer à ce que j'aurais rencontré.

I palmenti di Pietragalla

English versionVersion française

“Toh, guarda che carine! Sembrano le case degli hobbit!” Ecco cosa ho pensato quando, percorrendo i tornanti della statale 169, siamo arrivati a Pietragalla e abbiamo visto sfilare davanti a noi delle piccole costruzioni che facevano pensare alla Contea uscita dalla penna di Tolkien. “Pa’, ferma la macchina!” Era impensabile lasciare quel posto senza scoprire di cosa si trattasse.
Scesi dall’auto ci siamo avventurati tra le casette per finalmente scoprire che si trattava di tutt’altro ed ecco che siamo venuti a conoscenza dell’esistenza dei palmenti.

Benvenuti all'Inferno!

Lasciate ogni speranza voi che entrate



Sabato 3 giugno ho avuto la fortuna di essere invitata dalla digital strategist delle  Grotte di Castellana ad assistere a Hell in the Cave. È uno spettacolo unico nel suo genere che ha come palcoscenico la grotta della Grave nel complesso carsico che ha reso famosa Castellana Grotte. Mette in scena l’Inferno di Dante. Sin dalla prima edizione sono stata incuriosita da questa attrazione, ma ancora non ero riuscita ad assistervi. Fino ad ora.