Passa ai contenuti principali

Cosa c'è nel mio "kit di sopravvivenza"?

<a href="http://www.bloglovin.com/blog/12377893/?claim=dqjn3agf499">Follow my blog with Bloglovin</a>
Ecco il contenuto del mio kit


Quando ci si prepara per un viaggio, lungo o corto che sia, si pensa sempre a come far fronte a qualsiasi esigenza in qualsiasi situazione. Ecco che nasce la necessità di avere con sé un “kit di sopravvivenza” per non farsi mai cogliere impreparati.

Di sicuro ognuno di noi mette nel suo kit cose diverse in base alle proprie esigenze, perciò ho pensato di aprire la borsa e condividere con voi il contenuto del mio kit.


Ecco cosa non deve mai mancare quando viaggio:

·      Igienizzante mani: spesso, vuoi perché manca il sapone, vuoi perché magari sei immerso nella natura, non si ha possibilità di lavarsi le mani. In questi casi questo piccolo flaconcino ci corre in aiuto.

·      Crema mani: se l’igienizzante ci aiuta a tenere la mani pulite, purtroppo c’è da dire che le rende anche tremendamente secche. Per quanto mi riguarda è un elemento fondamentale per non ritrovarmi con le mani che fanno la muta.

·      Salviettine umidificate e fazzoletti: vale lo stesso discorso dell’igienizzante mani, ma possono essere usate in molte più occasioni.

·      Cerotti: io ne porto sempre almeno un paio. Oltre alla possibilità di un qualsiasi taglio, quando si esplora una città e quindi si cammina tanto la cosa che più spesso capita è che si formino delle dolorose bolle ai piedi. Ecco che almeno un cerotto per piede può risolvere la situazione senza rovinarci la passeggiata.

·      Burro cacao: come le mani anche le labbra si seccano. Secondo me è sempre bene avere con se qualcosa che protegga le nostre labbra: che sia freddo o che sia caldo le labbra ne risentono sempre.

·      Cibalgina o aspirina o simili: un analgesico è sempre bene averlo con sé. Perché farsi rovinare una bella esperienza da un mal di testa?

·      Porta-assorbente: be’, non c’è da spiegare e serve solo alle donne.

Ora, queste che sto per elencare magari non saranno fondamentali per tutti, ma una donna può considerarle utili per essere sempre a posto e presentabile.

·      Specchietto: non c’è bisogno che vi spieghi perché, vero?

·      Spazzola pieghevole: una cosa a cui pensano soprattutto le donne, ma a me è capitato di prestarla spesso sia a mio padre che a mio fratello.

·      Mascara e rossetto: due cose che possono tranquillamente bastare per rimettersi a posto in pochi gesti. Sapevate che il rossetto è multi-tasking? Oltre all’utilizzo tradizionale potete metterne un po’ sulle guance ed ecco che avete il vostro bel blush!

·      Elastico per capelli: forse più utile a chi ha i capelli lunghi, soprattutto quando c’è vento o fa molto caldo.

A me piace dividere il contenuto per "categorie" in queste due pochette

Infine io porto sempre con me qualcosa da mangiare. Un mezzo di conforto su cui contare fa sempre comodo. Inoltre non tutti, come me per esempio, hanno la possibilità di entrare semplicemente in un bar e prendere la prima cosa da mangiare disponibile: in questo caso non è solo comodo, ma anche indispensabile, degno di rientrare in un kit di sopravvivenza!


Ora tocca a voi: cosa c'è nel vostro? 

Commenti

Post popolari in questo blog

Impression de Sicile: Palerme

Versione italianaEnglish version
À différence de tous les autres voyages que j'ai fait, soigneusement pensés et organisés en avance, celui-là à Palerme a été tout à fait inattendu.  Bon, on m'a proposé d'y aller deux semaines avant du véritable départ, mais alors je ne savais pas encore si j'aurais pu y aller. La certitude est arrivée une semaine après, 7 jours avant de partir. Quelqu'un pourrait me dire: "Une semaine est plus que sufficent pour s'organiser". Sans doute. Mais une semaine n'a été pas assez pour me préparer à ce que j'aurais rencontré.

I palmenti di Pietragalla

English versionVersion française

“Toh, guarda che carine! Sembrano le case degli hobbit!” Ecco cosa ho pensato quando, percorrendo i tornanti della statale 169, siamo arrivati a Pietragalla e abbiamo visto sfilare davanti a noi delle piccole costruzioni che facevano pensare alla Contea uscita dalla penna di Tolkien. “Pa’, ferma la macchina!” Era impensabile lasciare quel posto senza scoprire di cosa si trattasse.
Scesi dall’auto ci siamo avventurati tra le casette per finalmente scoprire che si trattava di tutt’altro ed ecco che siamo venuti a conoscenza dell’esistenza dei palmenti.

Benvenuti all'Inferno!

Lasciate ogni speranza voi che entrate



Sabato 3 giugno ho avuto la fortuna di essere invitata dalla digital strategist delle  Grotte di Castellana ad assistere a Hell in the Cave. È uno spettacolo unico nel suo genere che ha come palcoscenico la grotta della Grave nel complesso carsico che ha reso famosa Castellana Grotte. Mette in scena l’Inferno di Dante. Sin dalla prima edizione sono stata incuriosita da questa attrazione, ma ancora non ero riuscita ad assistervi. Fino ad ora.