Passa ai contenuti principali

Viaggio al centro della terra... Voyage au centre de la Terre... Journey to the Centre of the Earth


Ok, non sarà al centro, ma 70 m sotto terra sì!

Bon, peut-être pas au centre, mais à 70 m sous la surface terrestre, oui!

Ok, maybe not in the centre, but 70 km underground, yes!

Chi è affascinato dalla potenza della natura e dalle sue meraviglie ed è anche abbastanza avventuroso, potrebbe trovare questo post interessante.

Ceux qui sont fascinés par la nature et ses merveilles et sont aussi assez aventureux, pourraient trouver ce post intéressant.

Those of you who are fascinated by the power of nature and its wonders and also are quite adventurous could find this post interesting.

Probabilmente qualcuno avrà sentito parlare di Castellana Grotte e, appunto, delle sue famose grotte. Sono di fama mondiale e ne ho avuto la prova quando, qualche giorno fa, sono andata a visitarle e ovunque mi girassi sentivo parlare una lingua diversa… che piacere!! :-D

Peut-être quelqu’un a entendu parler de Castellana Grotte et, justement, de ses grottes célèbres. Elles sont de renommée internationale et j’en ai eu la preuve quand, il y a quelques jours, je suis allée les visiter et n’importe où je me retournais, j’entendais parler une langue différentes… quel plaisir!! :-D

Perhaps someone could have heard something about Castellana Grotte and its famous caves. They are known worldwide and I had the proof of it when, some days ago, I went to visit them and everywhere I heard people speaking different languages... what a pleasure! :-D 


Welcome!!


Ma torniamo alle grotte. Ovviamente intorno a questo complesso carsico si è sviluppato tutto un ambiente che possa accogliere al meglio i turisti e, fidatevi, ce ne sono proprio tanti! Nel momento cruciale, all’entrata del percorso all’interno delle grotte, la prima cosa che salta all’occhio è un grande cartello con degli avvisi: il suolo potrebbe essere scivoloso causa umidità (si arriva al 100% di umidità: sicuramente sarà scivoloso!), quindi munirsi di scarpe adatte; la temperatura si mantiene tra i 16 e i 18 gradi, dunque fa freschetto. Letti al momento, questi avvisi potrebbero essere inutili se non siete attrezzati: ecco perché ci sono io ad avvisarvi prima. ;-)

Mais on retournons aux grottes. Évidemment autour de ce complexe carsique on a développé tout un environnement pour accueillir de la façon la meilleure les touristes, et fiez vous, il y en a vraiment beaucoup! Au moment crucial, à l’entrée du parcours à l’intérieur des grottes, la première chose qu’attire votre attention est un grand écriteau avec des avis : le sol peut être glissant à cause de l’humidité ( on arrive à 100% d’humidité: c’est sûr qu’on va glisser!) et donc on doit se munir de chaussures aptées ; la température est constante entre 16 et 18 dégrées Celsius, donc il est un peu froid. Lus au moment , ces avis sont inutiles si vous n’êtes pas équipés: voilà pourquoi je suis là, pour vous informer en avance. ;-)   

 Back to the caves, obviously around this karstic complex people have developed an environment to receive tourists in the best way, and trust me, there are a lot of them! At the crucial moment, at the entrance of the walking route in the caves, the first thing that catches your attention is a big information plaque with some warnings: the ground could be slippery because of humidity (it arrives at 100% of humidity: of course you are going to glide!), so you need to wear proper shoes; temperature is between 16 and 18 degrees Celsius, so it could be a bit cold. Read at the moment, these warnings are useless if you are not equipped: that’s why I’m here to inform you earlier! ;-)     

Il percorso è lungo 3 km  e inizia nella grotta più grande, chiamata la Grave, che poi è anche quella che venne scoperta per prima dallo speleologo Franco Anelli nel 1938. Pensate che è talmente grande che potrebbe ospitare tranquillamente uno stadio e, non sapendo cosa fosse, gli abitanti di Castellana Grotte pensavano addirittura che l’apertura da cui si calò lo scopritore fosse la porta per l’inferno… lasciamo perdere il fatto che la utilizzassero come discarica.


Le parcours a 3 km de longueur et il commence dans la grotte la plus grande, nommée la Grave, qui est celle qui a été découverte la première par le spéléologue Franco Anelli en 1938. Pensez, elle est si grande qu’elle pourrait contenir tranquillement un stadium et, en ne sachant pas ce quelle était, les habitants de Castellana Grotte pensaient que l’ ouverture d’où le découvreur se laissa glisser était la porte de l’enfer… on peut laisser tomber le fait qu’il l’utilisaient comme décharge. 

The route is 3 km long and begins from the larger cave called “la Grave” that is the first one discovered by the speleologist Franco Anelli in 1938. Just think that it is so large that it could effortless contains a stadium and, not knowing what it was, the inhabitants of Castellana Grotte thought that the hole from which the discoverer went down was the entrance of the Hell... just forget the fact that they used it as a dump.

Oggi è possibile visitare queste bellissime grotte, risalenti al periodo del Cretaceo, dove le concrezioni formano strane sagome e ci si può divertire a cercare di capire a cosa possano assomigliare. In virtù di questo si vedono la Grotta della Lupa (le stalattiti e le stalagmiti sono disposte davvero a dare forma a una lupa: mancano solo Romolo e Remo!), il Corridoio del Serpente (non c’è nessun serpente, ma una formazione sembra essere un serpente che esce dalle tana), la Grotta dei Monumenti, la Grotta del Precipizio (tranquilli, non c’è nessun pericolo), per finire con la meravigliosa Grotta Bianca, che, a differenza delle altre grotte, in cui la colorazione delle concrezioni vira al rossastro e al verde per la presenza di altri minerali, è completamente bianca, candida! C’è addirittura una concrezione che sembra un cero capovolto e io penso che non avrebbe dato la stessa impressione se non fosse sembrato fatto di cera. La particolarità di questa grotta è data dal fatto che è composta di carbonato di calcio allo stato puro. Unica pecca: pensavo fosse più grande. Ciò non toglie che sia comunque un posto magico. Il biglietto costava 15 euro, quindi non proprio poco, ma vi assicuro che non vi dispiacerà averli spesi!


can you see water falling down from the hole?
Aujourd’hui il est possible de visiter ces grotte si belles qui datent du Crétacé, où les concrétions forment des figures étranges et on peut s’amuser à essayer de comprendre à quoi ils peuvent ressembler. En vertu de ça on peut voir la Grotte de la Loupe ( les stalactites et les stalagmites sont disposées vraiment pour donner la figure d’une loupe, seul Romolo et Remo manquent!), le Couloir du Serpent (il n’y a aucun serpent, mais une formation semble un serpent sortant de sa terrière), la Grotte des Monuments, la Grotte du Précipice (soyez tranquilles, il n’y a aucun danger) pour finir dans la merveilleuse Grotte Blanche qui est complètement blanche, candide, à différence des autres grottes où les concrétions ont une coloration qui va au rouge ou au vert à cause de la présence d’autres minéraux. Il y a même une concrétion qui semble un  cierge retourné et je pense qu’il n’aurait pas donné cette impression s’il n’aurait pas semblé de cire. La particularité de cette grotte est donnée par le fait qu’elle est composée de carbonate de calcium à l’état pur. Le seul défaut: je pensais qu’elle était plus grande. Mais en tout cas on est dans un lieu magique. Le billet coûtait 15 euros, donc pas peu, mais je vous assure que vous ne regretterez pas de les avoir dépensés!


Nowadays, it is possible to visit these beautiful caves, which date back the Cretaceous, where concretions form some strange shapes and you can enjoy yourselves finding what they look like to. For this reason, you can see the Cave of the She-wolf (stalactites and stalagmites are arranged really to shape a she-wolf, just Romolo and Remo lack!), the Corridor of the Snake (there is no snake, just a formation that looks like a snake going out its nest), the Cave of Monuments, the Cave of Precipice (do not worry, no danger), to end in the wonderful White Cave that is completely pure white, differently from the other caves where concretions are slightly red- and green-coloured because of the presence of other minerals. There is even a concretion reversed candle-shaped and I think that it would not have given that impression if it was not look like wax made. The distinctive trait of this caves is the fact that it is composed of pure carbonate of calcium. The only fault: I thought it was larger. Anyway, we are in charming place. Ticket costs 15 Euros but I guarantee that you won’t regret to have spent it.              

Purtroppo le foto si possono fare solo nella Grave, ma se volete dare un’occhiata a qualche altra immagine, ecco il sito delle Grotte di Castellana.

Malheureusement on pouvait prendre des photo seulement dans la Grave, mais si vous voulez voir d’autres images, voilà le site web des Grottes de Castellana.

Unfortunately, you can take pictures just in the Grave, but if you want to see more images, here is the website of the Caves of Castellana.

Due ore dopo (tanto dura la visita), era ora di pranzo e ci siamo diretti in paese per trovare una trattoria. Quella in cui siamo andati si chiama Osteria del Caroseno, di fronte alla chiesa della Madonna del Caroseno, al cui interno non c’è nulla se non un bellissimo altare in stile barocco.

Après deux heures ( voilà la durée de la visite), il était temps de déjeuner et nous sommes allés dans le village pour trouver une trattoria. Nous sommes allés dans celle nommée Osteria del Caroseno, face à l’église Madone du Caroseno, où à l’intérieur il n’y a qu’un très bel autel en style baroque.



After two hours ( that is how long the visit lasts), it was time for lunch and we went in the town to find a trattoria. The chosen one named Osteria del Caroseno, in front of  Madonna del Caroseno church, where the only thing that there is inside is a beautiful altar in Baroque style.

L’osteria si trovava in quello che probabilmente un tempo era stato un frantoio (i segni su muri e soffitto ci hanno fatto dedurre questo) e l’atmosfera era davvero calda e accogliente. Per pranzo non abbiamo voluto strafare, quindi abbiamo preso un antipasto di 7-8 portate (antipasto per 1 da dividere in 3!): in queste erano raggruppati dei piatti tipici pugliesi un po’ rivisitati nella presentazione (molto originale e riusciva ad esaltare il sapore del piatto).

La trattoria était dans ce qu’un temps devait être un pressoir (les signes sur les murs et le plafond nous ont fait déduire ça) et l’atmosphère était vraiment chaude et accueillante. Pour le déjeuner nous ne voulions pas en faire trop, donc nous avons pris un entrée de 7-8 plats ( entrée pour un divisé en 3!) : on avait regroupé des plats typiques des Pouilles un peu revus dans la présentation (très originale et elle réussissait à exalter le saveur du plat).  

The trattoria was in what in the past perhaps was an oil mill ( signs on the walls and on the ceiling made us deduce it) and the atmosphere was really warm and comfortable. For lunch, we did not want to exaggerate, so we took an appetizer of 7-8 dishes (appetizer for one divided in 3!): in those they gathered some Apulian dishes a little bit “different” in the presentation (very original and it managed to enhance the taste of dishes).

tortino di polpo e patate


carosello e carote
insalatina di riso venere

panetto di puré di fave con cicoria e paté di peperoni

sfoglie di zucchine al sugo


granatine di verdurine in cartapane
"cialledda"


focaccia fritta con ricotta forte
stecco di caciocavallo in tempura con aceto balsamico

 Il piatto principale era “Chicche della nonna con prosciutto alla barese e croccante di formaggio”: sinceramente questo mi ricordava molto un piatto altoatesino. Infine il dolce: bavarese di ricotta con mousse di mirtilli e granella.

chicche della nonna con prosciutto alla barese e croccante di formaggio

Le plat de résistance était « Chicche della nonna con prosciutto alla barese e croccante di formaggio » ( chouchous de la grand-mère avec du jambon “alla barese” et croquant de fromage): pour être sincère il me rappelait beaucoup un plat du Haut-Adige. Pour finir, le dessert: bavarois de ricotta  avec une mousse de myrtilles et noisettes pilées. 

bavarese di ricotta con mousse di mirtilli e granella
The main dish was “Chicche della nonna con prosciuuto alla barese e croccante di formaggio” ( Grandmother’s tidbits with ham “alla barese” and cheese brittle): honestly it reminded me a dish from Alto-Adige. Eventually, the dessert: Bavarian cream with blueberry mousse and minced hazelnuts.

Ammetto di non essere una fanatica di ristoranti, anche perché ne esco sempre piena come un uovo, ma questo è stato molto apprezzato: tutto quello che abbiamo assaggiato era buonissimo e le porzioni giuste, né troppo abbondanti né troppo ridotte, e anche il rapporto qualità-prezzo era adeguato. Approvato! Non a caso si è guadagnato il certificato di eccellenza di Tripadvisor.

Je l’admet, je ne suis pas une fanatique des restaurants, aussi parce que quand j’en sors je suis toujours pleine comme un œuf, mais ceci a été très apprécié: tout ce que j’ai mangé était délicieux et les portions justes, ni trop abondantes ni trop réduites, et même le rapport qualité-prix était proportionné. Approuvé! Ce n’est pas un cas qu’il a gagné le certificat d’excellence de Tripadvisor.    

I admit that I am not a fanatic of restaurants, also because when I leave I am always extremely full, but this one has been really appreciated: everything was tasty and portions were acceptable, neither too much nor too little, and even the relation quality-price was adequate. Approved! It is not a case that it gained the excellence certificate from Tripadvisor.     

A questo punto la stanchezza cominciava a farsi sentire e abbiamo preso la strada di casa.

À ce point-là la fatigue commençait à se faire sentir et on a pris la route pour rentrer.

At that point, tiredness started rising and we took our way home.

Spero che il post vi sia piaciuto e di avervi dato qualche informazione utile. A presto!

J’espère que le post vous a plu et de vous avoir donné des informations utiles. À bientôt!

I hope that you like this post and that the information I have given to you were useful. See you soon!


Enjoy yourselves!!




Commenti

  1. che meraviglia le grotte di castellana! le ho sempre viste per TV e per foto ma mai di persona. deve essere un'esperienza bellissima da fare e spero di poter venire in puglia presto. se poi si aggiunge anche la buona cucina la giornata diventa perfetta! complimenti per il sito, ciao Andrea!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Andrea! è davvero un'esperienza suggestiva e se hai la possibilità di farla, ti consiglio di ritagliarti un po' di tempo e di approfittarne. Sono davvero da non perdere!
      Non so darti torto: con la buona cucina a concludere la giornata, tutto acquista un altro "sapore" :D
      Grazie per essere passato e aver lasciato un commento! Ciaoo

      Elimina
  2. le grotte di Castellana!!! Quante volte le ho viste! Ci abito più o mneo vicino!
    Ma tu di dove sei?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io abito in provincia di Taranto, abbastanza vicino alle grotte in effetti, anche se per me questa è stata la prima volta che le vedevo.

      Elimina
  3. Ciao! Complimenti per il reportage! :) ne avevo sentito parlare di queste grotte..sono proprio affascinanti! un saluto
    Federico
    lavaligiasottosopra.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Sono davvero mozzafiato! Non si immagina che la terra nasconda tali meraviglie. Grazie per essere passato e per il commento! :) Ciaoo

      Elimina
  4. Ebbene sì, dopo la visita alle Grotte ho ben pensato di scovare questa recensione/diario alla ricerca di un diverso punto di vista. Tuttavia non è possibile trovare parere diverso su questo posto a dir poco meraviglioso. La Grotta Bianca è davvero una perla di inestimabile valore, avulsa dal resto, e non si può non restare incantati da tale splendore sotterraneo :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Che piacere vederti qui! Hai proprio ragione! E' talmente bella quasi da non sembrare reale :)

      Elimina

Posta un commento

Feel free to leave a comment!
I would be glad to know your opinion! ;)
Thank you! :)

Post popolari in questo blog

Impression de Sicile: Palerme

Versione italianaEnglish version
À différence de tous les autres voyages que j'ai fait, soigneusement pensés et organisés en avance, celui-là à Palerme a été tout à fait inattendu.  Bon, on m'a proposé d'y aller deux semaines avant du véritable départ, mais alors je ne savais pas encore si j'aurais pu y aller. La certitude est arrivée une semaine après, 7 jours avant de partir. Quelqu'un pourrait me dire: "Une semaine est plus que sufficent pour s'organiser". Sans doute. Mais une semaine n'a été pas assez pour me préparer à ce que j'aurais rencontré.

I palmenti di Pietragalla

English versionVersion française

“Toh, guarda che carine! Sembrano le case degli hobbit!” Ecco cosa ho pensato quando, percorrendo i tornanti della statale 169, siamo arrivati a Pietragalla e abbiamo visto sfilare davanti a noi delle piccole costruzioni che facevano pensare alla Contea uscita dalla penna di Tolkien. “Pa’, ferma la macchina!” Era impensabile lasciare quel posto senza scoprire di cosa si trattasse.
Scesi dall’auto ci siamo avventurati tra le casette per finalmente scoprire che si trattava di tutt’altro ed ecco che siamo venuti a conoscenza dell’esistenza dei palmenti.

Benvenuti all'Inferno!

Lasciate ogni speranza voi che entrate



Sabato 3 giugno ho avuto la fortuna di essere invitata dalla digital strategist delle  Grotte di Castellana ad assistere a Hell in the Cave. È uno spettacolo unico nel suo genere che ha come palcoscenico la grotta della Grave nel complesso carsico che ha reso famosa Castellana Grotte. Mette in scena l’Inferno di Dante. Sin dalla prima edizione sono stata incuriosita da questa attrazione, ma ancora non ero riuscita ad assistervi. Fino ad ora.