Passa ai contenuti principali

Perché si festeggia Halloween?


La festa di Halloween è diventata uno degli appuntamenti più attesi di ottobre da qualche tempo a questa parte, complice la globalizzazione e la grande influenza esercitata dai film americani. È un momento un po’ controverso qui in Italia, in cui si fronteggiano i sostenitori della festa e coloro che sono contrari, rivendicando le proprie tradizioni e scagliandosi contro il consumismo. Potrei essere d’accorso con l’accusa di eccessivo consumismo, ma per quanto riguarda le tradizioni direi che la faccenda è un po’ più articolata. Io, che non so dire di no ai perché di determinate usanze che affiorano nella mia testa, ho fatto qualche ricerca, scoprendo cose interessanti che a volte hanno poco a che fare con la festa attuale.


In realtà Halloween deriva da una festività antichissima celebrata dei Celti in Irlanda, il Samhain. Era anche considerata il capodanno celtico. Il 31 ottobre veniva festeggiata la fine dell’estate, del tempo di ricchezza, in cui si era lavorato per far scorta per l’inverno, periodo del freddo e dell’oscurità (per via delle giornate più corte) e di preparazione del terreno per le future coltivazioni. Il tema della festa era sì la morte, ma in relazione alla natura, che comunque si rinnova sottoterra.

Il 31 ottobre, però, succedeva anche un’altra cosa: cadeva quella barriera che divide il regno dei morti da quello dei vivi. Questo voleva dire che i defunti, per quella notte, avrebbero potuto unirsi ai viventi nella festa: una credenza che, in qualche maniera, esorcizzava la paura della morte e degli spiriti unendola con l’allegria dei festeggiamenti per la fine dell’anno. In questa occasione ci si incontrava nelle radure dei boschi o sulle colline per accendere il Fuoco Sacro e venivano offerti dei sacrifici (non umani!). Poi si tornava ai villaggi indossando maschere grottesche illuminati da lampade alimentate dalle braci del Fuoco Sacro. Ed ecco la tradizione del travestimento.


Sempre in Irlanda, si lasciavano fuori dalla porta delle lanterne e del cibo per le anime dei defunti, così che si rifocillassero senza fare scherzi ai vivi (ed ecco “trick or treat?”). Mi ricorda molto la tradizione pugliese legata alla festa.
Questo accadeva prima che facesse la sua comparsa il Cristianesimo e trasformasse il Samhain nella festa di  Ognissanti.

La prima celebrazione di questa festa avvenne a Roma il 13 maggio 609 d.C. per la consacrazione del Pantheon alla Vergine Maria. Faccio notare che anche l’antica festa dei morti romana, la Lemuria, si festeggiava a maggio e quando i Romani sbarcarono sulle isole britanniche e vennero a contatto con il Samhain, non poterono fare a meno di associare le due festività.

Ma allora perché adesso anche noi festeggiamo Ognissanti a novembre?

Per il semplice fatto che le tradizioni sono dure a morire! Anche in Italia c’era il paganesimo e molte zone vennero occupate da popoli del nord che, ovviamente, portavano anche tutto il loro bagaglio culturale. Basti pensare che in Puglia ci sono tradizioni e consuetudini provenienti da usi e costumi longobardi e normanni, per esempio.   

Non riuscendo estirpare il Samhain, il Cristianesimo lo sostituì con la festa d’Ognissanti, il primo novembre, in inglese All Hallows’ Day. Ma i festeggiamenti iniziano il 31, la vigilia, quindi All Hallows Eve -- > Halloween.

Questo è un discorso generale sulla festa. Va da sé che ogni luogo ha la sua tradizione particolare. Nel mio paese, Massafra, per esempio, si racconta che la notte del 31 ottobre le anime dei morti tornino sulla terra e camminino lungo la “via maggiore” (la strada principale del centro storico) e si rechino nelle chiese per celebrare la messa dei morti.

Devo essere sincera: conoscere le origini di questa festa adesso me la fa vedere con occhi diversi.


E ovviamente ci sono anche le pietanze per occasione. Vi lascio qui il link di un vecchio post in cui ho proposto la ricetta di due dolci tipici della festa d’Ognissanti, le Ossa dei morti e il grano cotto. Se ne conoscete altre, condividetele!

Commenti

  1. Anche qua in Sardegna, quella notte, i morti tornano per mangiare a casa dei propri cari. Allora, si imbandisce la tavola per accoglierli durante la notte :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' proprio vero che tutto il mondo è paese! :D Mi diverto tantissimo a scoprire differenze e affinità tra le varie zone d'Italia e non solo. Grazie per il commento Vale! Un abbraccio!

      Elimina

Posta un commento

Feel free to leave a comment!
I would be glad to know your opinion! ;)
Thank you! :)

Post popolari in questo blog

Impression de Sicile: Palerme

Versione italianaEnglish version
À différence de tous les autres voyages que j'ai fait, soigneusement pensés et organisés en avance, celui-là à Palerme a été tout à fait inattendu.  Bon, on m'a proposé d'y aller deux semaines avant du véritable départ, mais alors je ne savais pas encore si j'aurais pu y aller. La certitude est arrivée une semaine après, 7 jours avant de partir. Quelqu'un pourrait me dire: "Une semaine est plus que sufficent pour s'organiser". Sans doute. Mais une semaine n'a été pas assez pour me préparer à ce que j'aurais rencontré.

Perché festeggiamo Natale il 25 dicembre?

“Ti sei mai chiesta come mai il Natale si festeggia proprio il 25 dicembre?”

Quasi tutti gli anni. Col tempo, con lo studio ho potuto notare come molte, se non tutte, delle feste che celebriamo hanno un’origine lontana, spesso più di quel che si pensi. L’ho notato soprattutto con le feste religiose.  Pensa al giorni d’Ognissanti: è stata sovrapposta a una festa pagana. Anche il Natale è nato così.

Nel Sud di Carlo Levi. Una giornata ad Aliano, tra le case e i calanchi di "Cristo si è fermato ad Eboli"

L’auto corre veloce lungo la statale 598. Per un lungo tratto il nastro d’asfalto costeggia l’Agri, uno dei maggiori corsi d’acqua della Lucania, che dall’entroterra scivola lento fino alle fertili coste dello Jonio. Ma in questo periodo dell’anno, dopo l’arsura dei mesi estivi, è ridotto a poco più di un rigagnolo pietroso. Il Pollino è solo a pochi chilometri, verso sud. Eppure i suoi boschi e la sua frescura non sono che un miraggio, qui. Siamo nel cuore riarso della Basilicata, nel deserto argilloso dei calanchi. Con una curva a gomito la strada comincia la sua salita verso Aliano. Tutt’intorno il paesaggio si increspa, come un mare pietrificato. I calanchi sono fenditure scavate dalle piogge sul terreno friabile e privo di vegetazione. Si susseguono e si ramificano, creano grappoli di terra gialla, alti poche decine di metri, spaccati in gole e burroni, sui quali è impossibile arrampicarsi. Per raggiungere il paese c’è da passare un ponte. Intorno solo il vuoto del precipizio. …