Passa ai contenuti principali

Royal Palaces in Wien: Belvedere Palace




Wien is one of those towns that immediately make you think of Sissi, classic music and royal palaces. I’ve already written about the wonderful Hofburg, but there is – or it would be better to say there are – two palaces that deserve at least a visit in your life: I am talking about Belvedere palaces.


Eugene of Savoy wanted the building of these palaces after the defeat of the Turkish in 1683. Nowadays, they host wonderful works of art, from medieval ones to contemporary ones. Here there is also an exposition dedicated to Gustav Klimt. You can see all this in the Upper Belvedere, whereas the Lower Belvedere hosts temporary expositions. 









These palaces date back the 18th century and has been built by Johann Lucas von Hildebrand. Between the two there is a French-style garden, which reminds the one of Caserta palace and Versailles: indeed, it was realized by Dominique Girard, who worked at Versailles too. Walking hearing gravel creaks under your feet, surrounded by green walls of hedge, is a really relaxing experience. Besides, from here you can enjoy a breathtaking view of Wien, reproduced by Canaletto too.







My interest in this place was especially artistic, because I was attracted by the exposition of Klimt’s works, but I must admit that, even without such a reason, I would have appreciated this visit. As in many other vast spaces, in which architectural and natural elements are perfectly combined, you do not realize you are in the centre of a town.


What about you? Have you ever visited Belvedere palaces?  


Commenti

Post popolari in questo blog

Impression de Sicile: Palerme

Versione italianaEnglish version
À différence de tous les autres voyages que j'ai fait, soigneusement pensés et organisés en avance, celui-là à Palerme a été tout à fait inattendu.  Bon, on m'a proposé d'y aller deux semaines avant du véritable départ, mais alors je ne savais pas encore si j'aurais pu y aller. La certitude est arrivée une semaine après, 7 jours avant de partir. Quelqu'un pourrait me dire: "Une semaine est plus que sufficent pour s'organiser". Sans doute. Mais une semaine n'a été pas assez pour me préparer à ce que j'aurais rencontré.

Perché festeggiamo Natale il 25 dicembre?

“Ti sei mai chiesta come mai il Natale si festeggia proprio il 25 dicembre?”

Quasi tutti gli anni. Col tempo, con lo studio ho potuto notare come molte, se non tutte, delle feste che celebriamo hanno un’origine lontana, spesso più di quel che si pensi. L’ho notato soprattutto con le feste religiose.  Pensa al giorni d’Ognissanti: è stata sovrapposta a una festa pagana. Anche il Natale è nato così.

Nel Sud di Carlo Levi. Una giornata ad Aliano, tra le case e i calanchi di "Cristo si è fermato ad Eboli"

L’auto corre veloce lungo la statale 598. Per un lungo tratto il nastro d’asfalto costeggia l’Agri, uno dei maggiori corsi d’acqua della Lucania, che dall’entroterra scivola lento fino alle fertili coste dello Jonio. Ma in questo periodo dell’anno, dopo l’arsura dei mesi estivi, è ridotto a poco più di un rigagnolo pietroso. Il Pollino è solo a pochi chilometri, verso sud. Eppure i suoi boschi e la sua frescura non sono che un miraggio, qui. Siamo nel cuore riarso della Basilicata, nel deserto argilloso dei calanchi. Con una curva a gomito la strada comincia la sua salita verso Aliano. Tutt’intorno il paesaggio si increspa, come un mare pietrificato. I calanchi sono fenditure scavate dalle piogge sul terreno friabile e privo di vegetazione. Si susseguono e si ramificano, creano grappoli di terra gialla, alti poche decine di metri, spaccati in gole e burroni, sui quali è impossibile arrampicarsi. Per raggiungere il paese c’è da passare un ponte. Intorno solo il vuoto del precipizio. …