Passa ai contenuti principali

Post

Chi è Babbo Natale?

Ci abbiamo creduto tutti da bambini. Prima  o poi, lasciando l’infanzia, abbiamo anche abbandonato questa figura. Ogni volta che viene Natale, però, quel bimbo interiore si risveglia, quasi a riportarci indietro nel tempo, a quando il nostro principale pensiero era quello di scrivere l’importante letterina e piazzarla tra i rami dell’albero con un certo anticipo: bisognava dare a Babbo Natale il tempo di trovare tutti i regali! Infine arrivava la notte di Natale. L’organizzazione sfiorava il professionale: una sedia, un vassoio, un cucchiaino, un piattino con due o tre cartellate e un bicchiere di latte. Lì accanto i disegni miei e di mio fratello, le nostre opere d’arte, con spazio apposito per un eventuale messaggio di ringraziamento del Babbo. Posso solo immaginare cosa pensassero i miei genitori, sapendo che la mattina dopo i loro figlioli avrebbero analizzato a fondo la “scena del delitto” alla ricerca di prove dell’esistenza di Babbo Natale… finché mio padre non venne tradito d…
Post recenti

Perché festeggiamo Natale il 25 dicembre?

“Ti sei mai chiesta come mai il Natale si festeggia proprio il 25 dicembre?”

Quasi tutti gli anni. Col tempo, con lo studio ho potuto notare come molte, se non tutte, delle feste che celebriamo hanno un’origine lontana, spesso più di quel che si pensi. L’ho notato soprattutto con le feste religiose.  Pensa al giorni d’Ognissanti: è stata sovrapposta a una festa pagana. Anche il Natale è nato così.

Perché scrivi di viaggi?

Molte volte ho sentito fare la domanda: “Perché viaggi?” Le risposte che ho ascoltato e letto sono state delle più varie, le ragioni sempre più che valide e condivise. Quello che mi chiedo adesso è: “Perché scrivo di viaggi?”

Perché Benevento è la città delle streghe?

“Vorrei andare a vedere Benevento.” “Ah, la città delle streghe!” “Esatto!”

Perché poi la chiameranno così? Per anni ho sentito Benevento associata alle streghe e ciò non ha fatto altro che accrescere la mia curiosità per questa città. Il folklore, per me, è sempre stato uno dei motori più importanti per intraprendere un viaggio.

I Longobardi a Benevento: la chiesa di Santa Sofia

“Ah, ma c’è un matrimonio.  Non possiamo entrare adesso”
“Allora andiamo a fare un giro. Torniamo più tardi, dai.”
Gli sposi sorridenti  si mettono in posa per scattare le foto sul sagrato di Santa Sofia, uno dei simboli di Benevento. Una volta era anche una delle chiese più importanti della Longobardia Minor. Siamo venuti qui proprio seguendo i Longobardi: dopo aver visitato Monte Sant’Angelo, in Puglia, la curiosità per questo popolo ci ha portati a in questa città.

Nel Sud di Carlo Levi. Una giornata ad Aliano, tra le case e i calanchi di "Cristo si è fermato ad Eboli"

L’auto corre veloce lungo la statale 598. Per un lungo tratto il nastro d’asfalto costeggia l’Agri, uno dei maggiori corsi d’acqua della Lucania, che dall’entroterra scivola lento fino alle fertili coste dello Jonio. Ma in questo periodo dell’anno, dopo l’arsura dei mesi estivi, è ridotto a poco più di un rigagnolo pietroso. Il Pollino è solo a pochi chilometri, verso sud. Eppure i suoi boschi e la sua frescura non sono che un miraggio, qui. Siamo nel cuore riarso della Basilicata, nel deserto argilloso dei calanchi. Con una curva a gomito la strada comincia la sua salita verso Aliano. Tutt’intorno il paesaggio si increspa, come un mare pietrificato. I calanchi sono fenditure scavate dalle piogge sul terreno friabile e privo di vegetazione. Si susseguono e si ramificano, creano grappoli di terra gialla, alti poche decine di metri, spaccati in gole e burroni, sui quali è impossibile arrampicarsi. Per raggiungere il paese c’è da passare un ponte. Intorno solo il vuoto del precipizio. …

La Cina a Bari

Un piccolo angolo di Cina è approdato a Bari.
I guerrieri di terracotta del famoso esercito dell’Imperatore Qin sono arrivati all’Archivio di Stato di Bari.