Passa ai contenuti principali

L'Opera dei Pupi a Palermo


Quando sono stata a Palermo, tra le tante esperienze che ho vissuto ce n’è una che mai avrei pensato di vivere: assistere a un’opera di pupi.

Facciamo un preambolo, perché così la frase non dice assolutamente niente. Chi mi conosce sa che, almeno prima di questa esperienza, ho sempre evitato di assistere a spettacoli di pupi, perché, quasi mi vergogno a dirlo, mi facevano un po’ impressione. Avete presente quando qualcuno dice che ha paura dei clown? Ecco, non parlerei di paura, ma mi facevano uno strano effetto.

Detto questo ci si potrebbe chiedere: “E come sei finita a vedere l’opera dei pupi?”


Bene, cominciamo dall’inizio.


Il vero interessato ai pupi era in realtà mio fratello. Giustamente, essendo a Palermo per la prima volta, non voleva lasciare la Sicilia senza un pupo come souvenir. Ecco come ci siamo imbattuti nella bottega di un puparo, Vincenzo Argento, dove abbiamo potuto acquistare il tanto desiderato pupo. Quello è stato il momento in cui la mia percezione di queste opere, perché di opere d’arte si tratta, ha cominciato a cambiare. Non ero più impressionata, quasi negativamente, dalla perfezione antropomorfa di questi oggetti; piuttosto ero affascinata dalla maestria e cura con la quale essi vengono realizzati. Dopo ciò, alla proposta di mio fratello di andare a vedere lo spettacolo che lo stesso Argento teneva in quei giorni mi sono detta che sarebbe stato un crimine lasciare Palermo senza partecipare a un evento tradizionale come quello e che sicuramente me ne sarei pentita se avessi rinunciato, quindi coraggio!

Arrivati a teatro (meglio dire teatrino), poco lontano dalla nota bottega in via Vittorio Emanuele, ci è stata spiegata la storia e le caratteristiche dei pupi siciliani, in particolare palermitani. Sì, perché ci sono delle sostanziali differenze tra le due scuole siciliane, quella palermitana e quella catanese. Per esempio i pupi palermitani vengono guidati dal puparo dalle quinte laterali, tramite un’asta posta sulla testa e sulle braccia, mentre quelli catanesi vengono manovrati dall’alto; i palermitani sono snodabili, al punto da riuscire a sguainare la spada, al contrario di quelli catanesi, che sono più rigidi e tengono la spada in mano.


L’Opera dei Pupi si è diffusa in Sicilia a partire dalla seconda metà del XIX e la prima metà del XX secolo ed era tipica della tradizione dei cuntastori (cantastorie). Le storie per gli spettacoli sono tratte dai poemi del ciclo carolingio, la Chanson de Roland, la Gerusalemme Liberata e l’Orlando furioso. Non pensate, però, che siano spettacoli noiosi, al contrario! Il registro è scanzonato e divertente, condito dall’accento siciliano che ne è il valore aggiunto. Il tutto dà un risultato spassosissimo!

Lo spettacolo a cui ho assistito era tratto dall’Orlando furioso ed è stata una delle rappresentazioni più belle a cui abbia mai assistito. Si vede che chi lavora per la sua realizzazione lo fa con passione e, ovviamente, lo trasmette attraverso i pupi.

Adesso se qualcuno dovesse invitarmi a vedere uno spettacolo di pupi, accetterei senza pensarci due volte!



Commenti

  1. L'amore e la passione per il proprio lavoro lo si evince anche da uno spettacolo di pupi. Sei stata fortunata ad aver incontrato un artista che è stato capace di farti amare questa antica arte.
    Ciao
    Tra monti, mari e gravine

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti! Sembrava che trattasse i suoi pupi come se fossero figli suoi. Forse in un certo senso si potrebbe dire che lo erano:)

      Elimina

Posta un commento

Feel free to leave a comment!
I would be glad to know your opinion! ;)
Thank you! :)

Post popolari in questo blog

Impression de Sicile: Palerme

Versione italianaEnglish version
À différence de tous les autres voyages que j'ai fait, soigneusement pensés et organisés en avance, celui-là à Palerme a été tout à fait inattendu.  Bon, on m'a proposé d'y aller deux semaines avant du véritable départ, mais alors je ne savais pas encore si j'aurais pu y aller. La certitude est arrivée une semaine après, 7 jours avant de partir. Quelqu'un pourrait me dire: "Une semaine est plus que sufficent pour s'organiser". Sans doute. Mais une semaine n'a été pas assez pour me préparer à ce que j'aurais rencontré.

Perché festeggiamo Natale il 25 dicembre?

“Ti sei mai chiesta come mai il Natale si festeggia proprio il 25 dicembre?”

Quasi tutti gli anni. Col tempo, con lo studio ho potuto notare come molte, se non tutte, delle feste che celebriamo hanno un’origine lontana, spesso più di quel che si pensi. L’ho notato soprattutto con le feste religiose.  Pensa al giorni d’Ognissanti: è stata sovrapposta a una festa pagana. Anche il Natale è nato così.

Nel Sud di Carlo Levi. Una giornata ad Aliano, tra le case e i calanchi di "Cristo si è fermato ad Eboli"

L’auto corre veloce lungo la statale 598. Per un lungo tratto il nastro d’asfalto costeggia l’Agri, uno dei maggiori corsi d’acqua della Lucania, che dall’entroterra scivola lento fino alle fertili coste dello Jonio. Ma in questo periodo dell’anno, dopo l’arsura dei mesi estivi, è ridotto a poco più di un rigagnolo pietroso. Il Pollino è solo a pochi chilometri, verso sud. Eppure i suoi boschi e la sua frescura non sono che un miraggio, qui. Siamo nel cuore riarso della Basilicata, nel deserto argilloso dei calanchi. Con una curva a gomito la strada comincia la sua salita verso Aliano. Tutt’intorno il paesaggio si increspa, come un mare pietrificato. I calanchi sono fenditure scavate dalle piogge sul terreno friabile e privo di vegetazione. Si susseguono e si ramificano, creano grappoli di terra gialla, alti poche decine di metri, spaccati in gole e burroni, sui quali è impossibile arrampicarsi. Per raggiungere il paese c’è da passare un ponte. Intorno solo il vuoto del precipizio. …