Passa ai contenuti principali

Celiaci in viaggio: siti utili


Qual è la prima cosa a cui pensiamo quando organizziamo un viaggio? Trovare un tetto sotto il quale stare, certo. Fino a qualche tempo fa lo facevo anche io. Non consideravo, allora, un problema il dovermi procacciare del cibo durante il mio soggiorno, magari all’estero. Adesso, invece, è una delle mie priorità e oltre a pensare all’alloggio e al bagaglio, mi informo su quali sono i luoghi in cui posso trovare tranquillamente prodotti senza glutine. Ebbene sì, un celiaco deve sapere come muoversi per mangiare e soprattutto non stare male, privandosi di un giorno prezioso del suo viaggio.
Oggi, a tal proposito, voglio condividere qualche sito che può semplificare la vita di noi “intolleranti” quando viaggiamo – sia in Italia che all’estero – e che può tornare utile anche chi vuole portare un celiaco a pranzo fuori.


Vediamo ora come muoverci in Italia. L’Associazione Italiana Celiachia (AIC) è sicuramente una risorsa indispensabile per i celiaci e ancor di più lo è, almeno in questo discorso, la sezione dedicata ai locali certificati che sono attrezzati per la cucina senza glutine. Ancor più utile, secondo me, è la loro app provvista di prontuario e lista degli esercizi certificati.



Un altro sito che spesso mi torna utile è www.ristorantiperceliaci.net. Selezionando regione, provincia e città, si possono trovare tutti gli esercizi, certificati AIC e non, che forniscono alimenti senza glutine.




Passiamo all’estero. Fortunatamente la cara vecchia Europa è piuttosto organizzata sulla questione celiachia. Dimostrazione ne è l’elenco delle varie associazioni nazionali che si trova nel sito dell’AIC. Io ho preso in esame solo alcuni Paesi (guarda un po’, sono quelli delle lingue che parlo!):



U.K.. Il sito ufficiale del Regno Unito è davvero molto ben strutturato. Non danno una lista dei locali in cui poter mangiare tranquillamente, ma forniscono una app per smartphone.
Inoltre vi consiglio il sito Glutafin. Qui, invece, potrete cercare i locali presenti nella zona che vi interessa.


Francia. L’associazione francese mette a disposizione una lista non solo locali adatti a noi, ma anche una lista di marche che producono alimenti senza glutine (della serie: se vogliamo farci la spesa per conto nostro ne abbiamo facoltà).



Germania. Checché se ne dica, in questo campo i tedeschi potevano fare di più. Il sito dell’associazione germanica non aiuta molto con l’alimentazione fuori casa. Ad ogni modo il sito www.was-ist-zoeliakie.de dà la possibilità di cercare locali attrezzati in tutta la Germania.




Infine, non bisogna dimenticare l’esistenza della preziosa Travelcard del celiaco. Per chi non lo sapesse, si tratta di un piccolo testo che riassume cosa un celiaco può e non può mangiare tradotto in bel 54 lingue. Sinceramente, pur avendo una laurea in lingue straniere, anche io mi affiderei a questa carta se fossi all’estero: per quanto possa conoscere bene l’inglese o la lingua del posto che sto visitando, sicuramente questa carta sarebbe più chiara ed esaustiva di me... credo!




Il mio ultimo consiglio è di semplicemente di chiedere ai gestori dei locali se sono attrezzati per la cucina senza glutine. Così facendo  a me è capitato di avere delle piacevoli e deliziose sorprese.


Spero di essere stata utile con questo post. Se avete qualche altro consiglio o esperienza da condividere, scrivetelo nei commenti, perché, diciamolo, tornano sempre utili!    

Commenti

  1. Mi sono sempre chiesta che difficoltà incontrassero i celiaci in viaggio e soprattutto all'estero!A quanto pare c'è più organizzazione di quanto pensassi ^^ utile questo post! Non credevo esistessero veri e propri elenchi anche fuori Italia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Valentina! Per fortuna, anche se a livelli diversi, l'organizzazione c'è, altrimenti sarebbe un pasticcio per chi, come me, è celiaco e ama viaggiare. Non che non si riesca poi a trovare una soluzione (io, per esempio, metto sempre in valigia qualcosa senza glutine...non si sa mai), ma per qualsiasi evenienza o semplicemente per godersi una bella serata fuori, gustando l'atmosfera di un paese che non conosci, questi elenchi sono una manna scesa dal cielo! Un abbraccio :)

      Elimina
  2. beh davvero interessante! non deve essere per niente facile viaggiare essendo celiaci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci vuole un po' più di organizzazione. Se piace viaggiare, il modo per farlo lo si trova comunque :)

      Elimina

Posta un commento

Feel free to leave a comment!
I would be glad to know your opinion! ;)
Thank you! :)

Post popolari in questo blog

Impression de Sicile: Palerme

Versione italianaEnglish version
À différence de tous les autres voyages que j'ai fait, soigneusement pensés et organisés en avance, celui-là à Palerme a été tout à fait inattendu.  Bon, on m'a proposé d'y aller deux semaines avant du véritable départ, mais alors je ne savais pas encore si j'aurais pu y aller. La certitude est arrivée une semaine après, 7 jours avant de partir. Quelqu'un pourrait me dire: "Une semaine est plus que sufficent pour s'organiser". Sans doute. Mais une semaine n'a été pas assez pour me préparer à ce que j'aurais rencontré.

I palmenti di Pietragalla

English versionVersion française

“Toh, guarda che carine! Sembrano le case degli hobbit!” Ecco cosa ho pensato quando, percorrendo i tornanti della statale 169, siamo arrivati a Pietragalla e abbiamo visto sfilare davanti a noi delle piccole costruzioni che facevano pensare alla Contea uscita dalla penna di Tolkien. “Pa’, ferma la macchina!” Era impensabile lasciare quel posto senza scoprire di cosa si trattasse.
Scesi dall’auto ci siamo avventurati tra le casette per finalmente scoprire che si trattava di tutt’altro ed ecco che siamo venuti a conoscenza dell’esistenza dei palmenti.

Benvenuti all'Inferno!

Lasciate ogni speranza voi che entrate



Sabato 3 giugno ho avuto la fortuna di essere invitata dalla digital strategist delle  Grotte di Castellana ad assistere a Hell in the Cave. È uno spettacolo unico nel suo genere che ha come palcoscenico la grotta della Grave nel complesso carsico che ha reso famosa Castellana Grotte. Mette in scena l’Inferno di Dante. Sin dalla prima edizione sono stata incuriosita da questa attrazione, ma ancora non ero riuscita ad assistervi. Fino ad ora.