Passa ai contenuti principali

Benvenuti all'Inferno!


Lasciate ogni speranza voi che entrate




Sabato 3 giugno ho avuto la fortuna di essere invitata dalla digital strategist delle  Grotte di Castellana ad assistere a Hell in the Cave. È uno spettacolo unico nel suo genere che ha come palcoscenico la grotta della Grave nel complesso carsico che ha reso famosa Castellana Grotte. Mette in scena l’Inferno di Dante. Sin dalla prima edizione sono stata incuriosita da questa attrazione, ma ancora non ero riuscita ad assistervi. Fino ad ora.


Come il titolo della rappresentazione lascia intendere, non si tratta di qualcosa di allegro, ma assicuro che parteciparvi è un’esperienza unica ed entusiasmante. Il tutto comincia già all’entrata delle grotte, quando si iniziano a sentire i primi versi dell’Inferno e i giochi di luce e le urla dei dannati creano un’atmosfera, appunto, infernale. Durante la discesa ci si sente proprio come Dante!

Lasciate ogni speranza voi che entrate

Lo spettacolo è itinerante, coinvolgente, ben lontano da quello a cui il teatro tradizionale ci ha abituati. Gli attori, anche se sarebbe meglio chiamarli performers, non sono stati solo bravi, ma strepitosi. Ho dovuto sforzarmi di ricordare che non si trattava davvero di dannati per godermi a pieno l’esibizione senza paura, uno sforzo che gli altri spettatori evidentemente non sono riusciti a fare.




















Si tratta di una reinterpretazione fatta di suoni, luci, danze e canti dell’opera dantesca in cui sono riconoscibili i personaggi più famosi, tra cui gli indimenticabili Paolo e Francesca o il conte Ugolino. Man mano riaffiorano i ricordi del liceo e delle ore di letteratura italiana. Di sicuro dopo aver visto questo spettacolo si guarda con occhi diversi l’opera che tanti liceali hanno studiato e studiano esclusivamente per dovere. È un modo ingegnoso per riscoprire l’interesse e l’amore per la nostra cultura letteraria.


Vorrei scrivere molto di più su questo spettacolo, ma rischierei di fare spoiler a destra e a manca e sarebbe davvero un peccato. Questo è uno spettacolo per cui non bisogna essere preparati, così da scoprire tutto al momento. Sicuramente è il modo migliore per viverlo. Ci si trova al centro della scena, si diventa quasi parte della rappresentazione. Sarebbe una cattiveria da parte mia svelare troppo.

Non posso però non condividere qualche foto che spero incuriosisca e  faccia venire voglia di assistere allo spettacolo.









Le repliche di Hell in the Cave verranno messe in scena nei giorni 17 giugno e 1 luglio. Per informazioni potete visitare il sito di Hell in the Cave www.hellinthecave.it


Ringrazio le “Grotte di Castellana” per avermi invitata come loro ospite e avermi dato la possibilità di vivere un’esperienza tanto forte e coinvolgente. Come è già successo in passato (come scrivo nel post Viaggio alcentro della terra), quando vengo in questo luogo unico torno a casa con gli occhi pieni di meraviglia.

Commenti

Post popolari in questo blog

Impression de Sicile: Palerme

Versione italianaEnglish version
À différence de tous les autres voyages que j'ai fait, soigneusement pensés et organisés en avance, celui-là à Palerme a été tout à fait inattendu.  Bon, on m'a proposé d'y aller deux semaines avant du véritable départ, mais alors je ne savais pas encore si j'aurais pu y aller. La certitude est arrivée une semaine après, 7 jours avant de partir. Quelqu'un pourrait me dire: "Une semaine est plus que sufficent pour s'organiser". Sans doute. Mais une semaine n'a été pas assez pour me préparer à ce que j'aurais rencontré.

I palmenti di Pietragalla

English versionVersion française

“Toh, guarda che carine! Sembrano le case degli hobbit!” Ecco cosa ho pensato quando, percorrendo i tornanti della statale 169, siamo arrivati a Pietragalla e abbiamo visto sfilare davanti a noi delle piccole costruzioni che facevano pensare alla Contea uscita dalla penna di Tolkien. “Pa’, ferma la macchina!” Era impensabile lasciare quel posto senza scoprire di cosa si trattasse.
Scesi dall’auto ci siamo avventurati tra le casette per finalmente scoprire che si trattava di tutt’altro ed ecco che siamo venuti a conoscenza dell’esistenza dei palmenti.