Passa ai contenuti principali

#Nonpartosenza: chi ha il posto prenotato in valigia!



Dopo un bel periodo di assenza ho pensato che ricominciare a dedicarmi al blog con questa bella iniziativa di Trippando fosse un’ottima idea. Mi ha dato l’impressione di riunirmi con le amiche e aprire le valigie per vedere cosa ci si è portate in viaggio.
Dunque, cominciamo!



Documenti. Inutile dirlo: senza quelli non si va da nessuna parte, perciò sono i primi a finire in borsa insieme ai biglietti del mezzo di trasporto utilizzato.

Macchina fotografica. Lo ammetto: la mia è una semplice compatta, piccola e discreta, ma si fa valere. Ovviamente è sempre accompagnata dal suo caricabatterie, scorte memory cards e una batteria di emergenza.

Taccuino e penna. Ho scoperto che non c’è metodo migliore per ricordare dello scrivere subito cosa si è visto e come ci si sente. Ecco perché il mio fido taccuino Tardis è sempre nelle mia borsa accompagnato da una penna.

Igenizzante mani. Questo è fisso nella mia borsa anche quando esco per una semplice passeggiata con un’amica. In viaggio, poi, è una manna scesa dal cielo!

Guida turistica con mappa della città. Devo essere sincera: anche se attualmente ci sono mille apps che semplificano la vita, io mi trovo sempre meglio con la cara vecchia carta da sfogliare e ritengo che una mappa cartacea dia una visione più chiara del posto in cui ci si trova.

Un buon libro o Kobo e-reader. Per quanto io adori guardare fuori dal finestrino e ammirare il paesaggio, inevitabilmente un po’ ci si stanca di non far niente. Cosa c’è di meglio di un bel romanzo per salvarti dalla noia?

Cellulare. Io lo utilizzo anche come lettore mp3 e navigatore. Per questo il suo fido compagno caricabatterie è sempre lì al suo fianco in valigia, altrimenti la batteria non durerebbe un giorno intero.

Ombrello pieghevole e k-way. Soprattutto per le destinazioni nordiche, che sono quelle che preferisco. Per fortuna, finora, il tempo mi ha quasi sempre accompagnato e li ho sempre usati poco.

Occhiali. Da vista! Sì, perché pur avendo qualche mancanza visiva, mi ostino a portare gli occhiali solo se devo leggere o guardare cose piccole (quindi quando consulto la guida o la mappa). Perciò sono indispensabili!

Aspirine. Immancabili. Di solito, dopo aver passato quasi tutto il primo giorno di viaggio a macinar chilometri, è lei che mi salva il resto della giornata (o serata).
Ecco qua le cose che mai devono mancare nella mia valigia. Ovviamente poi ci sono tante altre cose, ma queste sono quelle che hanno già il posto prenotato quando si devono preparare i bagagli.


E ditemi, quali sono i vostri #nonpartosenza

Commenti

  1. Ovviamente non può mancare la guida e i vari appunti presi pre partenza!!! poi la macchina fotografica (compatta anche la mia :) ) e un libro! all'igenizzante preferisco le salviettine umidificate!! mia cara... mi hai fatto venire voglia di partire!! kisses, Alessia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono felicissima di averti fatto venir voglia di partire: quello è l'intento! :) Grazie per essere passata e per il commento! Un bacio

      Elimina
  2. Anche per me guida cartacea, Kindle e aspirine! A presto :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A quanto pare questi sembrano essere i must have di molti :) Un abbraccio e a presto!

      Elimina
  3. abbiamo molte cose in comune :D al posto delle aspirine io però porto le oki ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'importante è che facciano il loro dovere ;) Un abbraccio

      Elimina

Posta un commento

Feel free to leave a comment!
I would be glad to know your opinion! ;)
Thank you! :)

Post popolari in questo blog

Impression de Sicile: Palerme

Versione italianaEnglish version
À différence de tous les autres voyages que j'ai fait, soigneusement pensés et organisés en avance, celui-là à Palerme a été tout à fait inattendu.  Bon, on m'a proposé d'y aller deux semaines avant du véritable départ, mais alors je ne savais pas encore si j'aurais pu y aller. La certitude est arrivée une semaine après, 7 jours avant de partir. Quelqu'un pourrait me dire: "Une semaine est plus que sufficent pour s'organiser". Sans doute. Mais une semaine n'a été pas assez pour me préparer à ce que j'aurais rencontré.

I palmenti di Pietragalla

English versionVersion française

“Toh, guarda che carine! Sembrano le case degli hobbit!” Ecco cosa ho pensato quando, percorrendo i tornanti della statale 169, siamo arrivati a Pietragalla e abbiamo visto sfilare davanti a noi delle piccole costruzioni che facevano pensare alla Contea uscita dalla penna di Tolkien. “Pa’, ferma la macchina!” Era impensabile lasciare quel posto senza scoprire di cosa si trattasse.
Scesi dall’auto ci siamo avventurati tra le casette per finalmente scoprire che si trattava di tutt’altro ed ecco che siamo venuti a conoscenza dell’esistenza dei palmenti.

Benvenuti all'Inferno!

Lasciate ogni speranza voi che entrate



Sabato 3 giugno ho avuto la fortuna di essere invitata dalla digital strategist delle  Grotte di Castellana ad assistere a Hell in the Cave. È uno spettacolo unico nel suo genere che ha come palcoscenico la grotta della Grave nel complesso carsico che ha reso famosa Castellana Grotte. Mette in scena l’Inferno di Dante. Sin dalla prima edizione sono stata incuriosita da questa attrazione, ma ancora non ero riuscita ad assistervi. Fino ad ora.